Infarto dopo la cocaina: assolti i due pusher

Condannati a un anno per la sola cessione della sostanza stupefacente ma non pe ril decesso di un quarantenne nella notte tra il 26 e 27 aprile 2017

Droga

Erano imputati per un’accusa pesante: morte come causa di altro reato. L’altro reato era lo spaccio di droga – cocaina – che, assunta da un quarantenne della zona della Valcuvia, avrebbe provocato la morte dell’assuntore.

Questa la ricostruzione del pubblico ministero per la quale si è celebrato un processo dinanzi al Collegio giudicante di piazza Cacciatori delle Alpi.
Durante le udienze vennero sentiti testimoni e valutate le prove, presentate anche sotto forma di conversazioni telefoniche, tabulati prodotti per dimostrare come i due – 38 e 25 anni – si fossero accordati su quale versione dare, eventualmente, agli investigatori.

Il motivo sta nel gesto alla base di questa vicenda: la cessione di cocaina. Cessione che c’è stata e per i quali sono stati condannati a un anno. Ma non per la morte a causa di quella cessione: si dovrà attendere la motivazione della sentenza, ma pare scontato che i giudici abbiano considerato non provato il nesso di causalità fra l’assunzione e il decesso.

Per arrivare a questa pronuncia nei mesi scorsi sono stati ascoltati in aula consulenti di accusa e difesa che hanno effettuato valutazioni sulla sostanza e sui reperti in possesso degli inquirenti, come l’esame autoptico e l’analisi del cuore, ma anche dei capelli, che provavano una assunzione abituale di droga da parte della vittima.

Alla fine è passata la tesi proposta dall’avvocato Corrado Viazzo: nessun nesso fra l’acquisto in un bar di Cuveglio, la sniffata e l’arresto cardiaco avvenuto nell’abitazione dell’uomo, soccorso e rianimato dal 118 e deceduto al pronto soccorso nella notte tra il 26 e 27 aprile 2017.

di
Pubblicato il 24 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore