Folk, rock e solidarietà: al Berrini torna Woodinstock

La storica manifestazione, nata per raccogliere fondi per la ricerca sul Parkinson, si terrà dal 18 al 21 luglio e ospiterà anche il Buscadero Day

Tempo libero generica

La musica torna protagonista al Parco Berrini di Ternate dove il 18 luglio si aprirà una nuova edizione di Woodinstock. La manifestazione nata otto anni fa, nel segno della solidarietà, torna anche quest’anno con l’obiettivo di raccogliere fondi a favore della lotta alla malattia di Parkinson. Fino a domenica 21 luglio quindi, dalle 19 il palcoscenico si accenderà con diversi artisti e musica di ottima qualità.

«Tutto nasce dall’idea di costruire un progetto benefico a sostegno alla lotta contro la malattia di Parkinson – spiega Luca Guenna, presidente e fondatore di questa manifestazione -. Dunque, chi verrà a trovarci, approfittando della nostra ricca offerta gastronomica, ci aiuterà al tempo stesso ad accantonare nuove risorse per questo nobile obiettivo. Sostenitore e custode del nostro fondo a favore della ricerca e dell’assistenza ai malati di Parkinson è la Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus: in questi sette anni di vita trascorsi, grazie all’impegno militante di molti volontari, Woodinstock ha già versato €62.000 in questo fondo. Ma non ci basta, andiamo avanti, vogliamo crescere».

Il programma di quest’anno infatti, è ancora più ricco, oltre ad ospitare una edizione speciale del Buscadero Day, la rivista musicale nata quarant’anni fa che quest’anno terrà la sua festa proprio al Berrini: «Per la prima volta la nostra festa sarà in provincia di Varese e non a Como – spiega Andrea Parodi -. Sarà una giornata intensa che inizierà alle dieci di mattina per continuare fino a sera». Tanti gli ospiti, tra cui Jaime Michaels, artista conosciuto anche per la sua versione di Rimmel di Francesco De Gregori, oltre a i Luf, David Bromberg Band, James Maddock & Brian Mitchell, The Gang, Massimo Priviero, Annie Keating, Beocephus King e molti altri.

E non è tutto, «Ogni giornata avrà un filo conduttore – spiega Alessandro Gusmini, organizzatori di questo festival fin dall’inizio -. Dalla musica leggera e solare, a quella a Km 0, fino al grande rock. Apre l’amico Joe D’Urso, passando per i tecnicissimi Trio Bobo, formazione derivata da Elio e le storie tese, per poi essere invasi dai barbari Folkstone, mitici rocker in costume e strumenti medievali conditi con chitarre metal, e offrire ancora molto altro».

Ecco il programma dei quattro giorni: 

Giovedì 18 Luglio 2019 – Light of Music
Apre Joe D’Urso, una delle colonne portanti del Light of Day, uno dei più grandi festival benefici al mondo, che ha saputo raccogliere milioni di dollari per la ricerca sul Parkinson e il Trio Bobo, cioè Faso, Alessio Menconi e Christian Meyer, musicisti di razza con immense capacità tecniche, ma al tempo stesso estremamente leggeri nel modo di porsi come la band da cui due di loro arrivano, Elio e le Storie Tese.

Venerdì 19 Luglio 2019 – musica a KM ZERO
Non mancano le partecipazioni di artisti del territorio: dai RadioAut con i loro inediti in una miscela di rock, funk, e reggae ai Nembo con il loro “impressionismo sonoro” che traduce emozioni e sensazioni con suoni sperimentali e brani privi di una struttura classica. Dagli Sketch con il loro rock alternativo originale e cantato in italiano, a volte satirico, a volte decisamente più introspettivo, a Il Vertice, una delle band seguita dall’Associazione VaranoSound, con temi quali la quotidianità, l’evasione e la musica come punto d’incontro, appunto un “vertice”. Dai Subwaves che sono l’unica formazione della serata a proporre un repertorio basato su cover con l’intento di dare nuova forma a classici moderni di gente come i Linkin’ Park, ai Delta, che fanno parte della storia dell’underground varesino e del nostro festival, con il loro rock progressivo in italiano sullo stile dei giganti degli anni ’70.

Sabato 20 Luglio 2019 – Il grande cuore del Rock
Al festival tornano i Folkstone. La formazione Bergamasca propone un folk metale in cui le melodie sono sostenute da strumenti quali cornamuse, ghironde, bouzuki, cittern, bombarde in un insieme che riesce a essere originale e moderno e al tempo stesso affascinante come una leggenda medievale. Prima di loro, tante altre forme di anima rock: dalla presenza di Lilian More, cantautrice rock giovane, ma già sulla scena da anni, recentemente anche a Sanremo Giovani, al rock più sixties dei Kozmic Bus, fan del rock/blues d’autore; dalla musica degli Apple Sauce, che, oltre che giovani, sono tra le band in cui l’inquadramento di genere assolutamente non funziona, all’Hard-Rock di classe ed esperienza degli X-Plicit, tutti veterani di formazioni tostissime del varesotto.

Domenica 21 Luglio 2019 – Buscadero Day
È la maratona musicale più attesa dell’estate, il festival nel festival con la musica della prestigiosa rivista musicale Buscadero, ormai all’undicesima edizione e per la prima volta a Ternate per l’intera giornata già dalla mattina.

Un’iniziativa che ha saputo raccogliere per questa specifica edizione, oltre 9.000€ attraverso il Crowdfunding con la partecipazione di grandi artisti internazionali: David Bromberg Band -per la prima volta in Italia-, James Maddock & Brian Mitchell, The Gang, Massimo Priviero, Jaime Michaels, Annie Keating, I Luf, Bocephus King e molti altri ancora da confermare.

Nelle varie giornate del festival, molte altre iniziative, sport, bancarelle, l’intrattenimento musicale rigorosamente su vinile di DJ Jesse, artisti visivi sparsi nel parco impegnati nella realizzazione di opere estemporanee grazie alla collaborazione con Il Ponte degli Artisti e, per i più piccini, la possibilità di esplorare il mondo del Kung fu insieme a Kung-Fu Panda. Aperto lo stand gastronomico.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore