Apre L’ideatorio, dove scienza e tecnologia diventano un gioco

Un planetario, una mostra interattiva e tanti laboratori sabato 7 settembre alle 11 per l'inaugurazione della nuova sede dell'Ideatorio, il polo di divulgazione scientifica dell'USI

Generico 2018

L’Università della Svizzera italiana inaugura la sede de L’ideatorio, il polo di divulgazione scientifica che mette radici in una nuova casa, dove stare al passo con scienza e tecnologia è un gioco divertente, per grandi e piccini.
Tre sale per attività e laboratori, una mostra interattiva sul cervello e un planetario: tutto da scoprire nella giornata di inaugurazione di sabato 7 settembre dalle ore 11 negli spazi della ex casa comunale di Cadro messa a disposizione dal Municipio della Città di Lugano per “la promozione della cultura scientifica e favorire il dialogo tra scienza e società”.

Generico 2018

Oltre al taglio del nastro la giornata offrirà ai partecipanti di ogni età la possibilità di sperimentare le diverse attività del centro dai laboratori di robotica e creatività a uno speciale percorso sugli odori “L’officina dei ricordi”. La scoperta del planetario, nel pomeriggio, sarà poi accompagnata dal racconto “La luna” con l’attore e narratore Giancarlo Sonzogni.

Da settimana prossima L’ideatorio sarà aperto alle scuole di ogni ordine e grado, dall’infanzia alle superiori, dal lunedì al venerdì. A bambini e ragazzi saranno proposte visite guidate e un ventaglio di una ventina di attività, diversificate e di alto livello, tra laboratori creativi, di robotica o tinkering, moderno metodo educativo che consente ai bambini di apprendere le materie MINT (matematica, informatica, scienze naturali e tecnica) giocando, creando così indispensabili ponti fra sapere e competenze, fra cittadini e sviluppo scientifico.
Durante i fine settimana invece L’ideatorio sarà aperto al pubblico, come un vero e proprio museo, con eventi (una trentina quelli già in calendario) e attività per grandi e piccini.

Dal 2005 L’ideatorio dell’USI si occupa di promuovere la cultura scientifica attraverso originali forme d’incontro con i cittadini e con le scuole in stretta collaborazione con Science et Cité (centro di competenza delle Accademie svizzere delle scienze di cui è antenna regionale). In questi anni, L’ideatorio ha incontrato oltre 150 mila visitatori in diversi luoghi del Cantone.

Generico 2018

“Imperfetto – Tra inciampi e abilità del nostro cervello” è la prima esposizione interattiva allestita nella nuova sede de L’Ideatorio. Il percorso mette al centro dell’esperienza del visitatore “potenza e fragilità del nostro cervello” ed è realizzato con la supervisione scientifica del Neurocentro dell’EOC e la collaborazione dello studio Gysin & Vanetti e il Corso di architettura d’interni della SUPSI. Il Planetario astronomico è invece una struttura moderna dotata di un sistema digitale “all’altezza dei migliori planetari” che consente di esplorare l’Universo, dal nostro Sistema solare allo spazio profondo.

L’inaugurazione sabato 7 settembre inizierà alle ore 11.00 con gli interventi di Boas Erez, Rettore dell’USI, Marco Borradori, Sindaco della Città di Lugano, e Giovanni Pellegri, responsabile de L’ideatorio. In collaborazione con la Commissione del quartiere di Cadro saranno in seguito offerti un aperitivo e una maccheronata alla popolazione (rimandata in caso di brutto tempo).
Durante tutta la giornata sarà possibile visitare gratuitamente l’esposizione, il planetario e i laboratori.

Generico 2018

È possibile diventare “Amici dell’Ideatorio” acquistando una tessera annuale che permette l’entrata libera a tutte le mostre proposte.
Per maggiori informazioni sul progetto, così come il calendario degli eventi possono essere consultati sul rinnovato sito web de L’ideatorio: www.ideatorio.usi.ch

di
Pubblicato il 05 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore