Carcere di Busto, la difficile situazione raccontata dal garante in commissione

La struttura soffre da anni di sovraffollamento mentre negli ultimi anni sono stati riscontrati anche problemi nell'area trattamentale e per la mancanza di agenti. La fotografia di Matteo Tosi in consiglio regionale

commissione carcerei regione lombardia

Sovraffollamento, carenza di personale, poche attività di reinserimento e di formazione. Il garante dei detenuti del carcere di Busto Arsizio, Matteo Tosi, ha portato i problemi della casa circondariale di via per Cassano davanti ai consiglieri ella commissione speciale sulla situazione carceraria in Lombardia, presieduta da Gianantonio Girelli (PD).

«450 detenuti e 300 posti disponibili – ha sottolineato il Garante – rendono drammatica la situazione nella Casa Circondariale del varesotto, dove è stata rilevata anche la carenza di agenti, di personale amministrativo e anche sanitario».

L’incontro di oggi chiude il calendario delle audizioni programmate dalla Commissione con i Garanti dei detenuti lungo il territorio lombardo al fine di fare una fotografia della situazione carceraria lombarda.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.