Nuova viabilità, arriva il semaforo per la svolta a sinistra in via Mazzini

Entro la fine del mese di settembre diventerà operativa la nuova circolazione nelle vie che fanno capo a piazza Garibaldi, con due assi d'ingresso e uno d'uscita

Generico 2018

Votata dalla giunta comunale ai primissimi di settembre, diventerà operativa entro la fine del mese la nuova viabilità sugli assi di entrata e uscita di piazza Garibaldi, dentro al centro storico di Gallarate.

In Piazza Garibaldi e via Mazzini s’inverte il senso di marcia

I lavori richiederanno la modifica della segnaletica orizzontale e verticale e anche l’installazione di un nuovo semaforo (sostituendo, invece, uno che diventa inutile.
Ma andiamo per gradi. L’ipotesi di invertire il senso di marcia di via Mazzini era stata per la prima volta a inizio 2018 e diventa operativa ora: si potrà entrare in via Mazzini, diretti a piazza Garibaldi, venendo dall’incrocio Sempione-via Marsala-via Cavallotti e anche venendo da piazza Risorgimento-via Roma, con svolta a sinistra.

La modifica inciderà anche sulle lanterne del semaforo che regola l’incrocio: sarà eliminata la lanterna in uscita dalla via Mazzini (dal momento che la via si percorrerà al contrario). In compenso sarà introdotto un semaforo su via Roma, sulla corsia che da piazza Risorgimento va in direzione Sempione-via Marsala: il semaforo consentirà di svoltare a sinistra per entrare in via Mazzini, con regolare lanterna a tre tempi (verde-giallo-rosso). Accanto ci sarà invece una lanterna che mostrerà sempre il verde a chi, da piazza Risorgimento, va verso il Sempione e in direzione Somma, per intenderci.
«Togliendo il semaforo in uscita da via Mazzini i tempi sulle altre direttrici diventeranno più ampi, anche se non di molto» dice il sindaco di Gallarate Andrea Cassani.

Fin qui via Mazzini. Per il resto poi in piazza Garibaldi si potrà accedere anche dalla via d’uscita attuale, ovvero da via San Francesco (zona ex Ricci Sport). L’unica uscita dalla piazza sarà invece quella da via Verdi verso via XX settembre.

Alla fine il risultato sarà avere due entrate in piazza Garibaldi e una sola uscita, esattamente al contrario della situazione odierna. Scopo dichiarato: migliorare l’accesso al centro e agevolare il passaggio in via Mazzini (e in questo senso c’è un certo sostegno dai commercianti). Insomma: un contesto molto diverso da sette anni fa, quando dalle file di Forza Italia – allora all’opposizione – piovevano strali sulla possibilità di svoltare in via Verdi venendo da va Borghi-stazione, introdotta dalla giunta Guenzani, che accusato di aumentare il traffico in piazza Garibaldi.

Ma ora quanto tempo servirà per mettere a regime la modifica della viabilità? «Penso si possa completare entro quindici-venti giorni», dice Cassani. Insomma: a regime entro fine settembre-primi di ottobre.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 10 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Stefano Tonelli

    Buongiorno, vorrei un chiarimento dall’autore dell’articolo, se possibile. Immagino che l’inversione del senso di marcia in via Mazzini comporti automaticamente la contemporanea inversione del senso di marcia in via Postporta. E’ così?

    1. Roberto Morandi
      Scritto da Roberto Morandi

      Esatto, via Postporta diventa secondo ingresso a piazza Garibaldi.

Segnala Errore