Al secondo anniversario dal referendum la Lega dice “Non si Boccia l’Autonomia”

L’iniziativa si è ripetuta per tutto il giorno a vari livelli: in mattinata uno striscione era ben visibile dal balcone della sede leghista di piazza Podestà a Varese e nel pomeriggio nell’aula del Consiglio regionale

lega

“Non si Boccia l’Autonomia”. È con una frase impressa sugli striscioni esposti dalla Lega un po’ dovunque che il partito ricorda una data importante: il secondo anniversario della consultazione referendaria sull’autonomia lombarda.

L’iniziativa si è ripetuta per tutto il giorno a vari livelli: in mattinata uno striscione era ben visibile dal balcone della sede leghista di piazza Podestà a Varese e nel pomeriggio nell’aula del Consiglio regionale dove i consiglieri della Lega si sono presentati indossando una maglietta con la scritta “L’autonomia non si Boccia.

Una frase che evidentemente si rifà al nome del ministro scelto dal Governo Conte per gestire la partita dell’autonomia, Francesco Boccia, molto criticato dai governatori leghisti.

«Curioso vedere come chi, a suo tempo, reputava uno spreco di denaro pubblico il nostro referendum del 2017, giudicandolo non necessario, ora stia cercando di vanificare il nostro diritto ad avere ciò che ci spetta secondo Costituzione – chiosa Riccardo Guzzetti, Coordinatore provinciale della Lega Giovani di Varese – e, a seconda delle stagioni, tiri in ballo la solidarietà o la meritocrazia. Siamo arrabbiati ma soprattutto delusi: ci aspettavamo maggior considerazione, da parte di questo governo».

lega

“Mi pare che l’attuale Governo abbia tutta l’intenzione di portare il treno dell’autonomia su un binario morto”, afferma Alessandro Corbetta, consigliere regionale leghista, promotore della protesta di oggi al Pirellone.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore