Al via la 41° rassegna di musica sacra

Inizierà domenica 10 novembre la tradizionale rassegna dei concerti d’organo nelle basiliche del centro cittadino. Coinvolgimento anche dei più piccoli

Generico 2018

È stata presentata alla stampa questa mattina, lunedì, la 41esima edizione della rassegna di musica sacra organizzata dal maestro Paolini. Gigi Farioli, assessore all’educazione e all’innovazione, ha ricordato la continuità dell’evento dedicato alla musica da chiesa, riproposto di anno in anno arrivando fino alla 41° edizione.

Si tratta di diversi concerti organizzati dal maestro Sergio Paolini con la collaborazione dell’amministrazione comunale che verranno proposti nelle chiese di Santa Maria, San Michele e del Sacro Cuore, nelle tre domeniche del 10, 17 e 24 novembre, dalle 16:00.

Domenica 10 novembre, nel santuario di Santa Maria, verranno proposte le musiche dall’ensemble “Girolamo Frescobaldi Trio”; domenica 17 nella chiesa di San Michele suonerà l’organista Sergio Paolini, mentre domenica 24 al Sacro Cuore (Frati) l’organista Philip Rushforth, titolare della cattedrale di Chester, nella contea del Cheshire, in Inghilterra.

«È l’iniziativa più antica di Busto che per necessità viene organizzata in chiesa. La chiesa di Santa Maria è un gioiello e anche se l’organo è piccolo uniamo gli strumenti a fiato e la voce per proporlo come evento d’apertura mozzafiato» ha spiegato il maestro Paolini che per gli anni avvenire prevede di allargare il programma coinvolgendo ulteriori chiese del territorio.

Il maestro è organizzatore anche delle visite guidate proposte alle scuole per avvicinare i giovanissimi alla musica sinfonica. Quest’anno gli incontri saranno nella mattinata di mercoledì 6, 13 e 20 novembre nell’abside della basilica di San Giovanni data la grandezza dello strumento che permette il coinvolgimento e la partecipazione di circa settanta ragazzi ad incontro.

«Organizzo volentieri gli incontri con gli studenti perché vedere dal vivo i concerti d’organo è un’altra cosa che sentire la musica durante una messa, questo mi viene dimostrato dalla loro meraviglia ogni volta mostro loro il funzionamento dello strumento; mi auguro che attraverso questi appuntamenti ravvicinati alla musica, possa nascere la passione in qualcuno di loro».

di
Pubblicato il 04 novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore