Fantasia, innovazione, realtà: il trinomio vincente della Spii Spa

L’azienda di Saronno, leader nel settore ferroviario, ha aperto le porte ai ragazzi di terza media della scuola Leonardo Da Vinci in occasione del PmiDay 2019

Fantasia e innovazione da una parte, realtà e concretezza dall’altra: è il connubio alla base del successo della SPII Spa (Strategic Partner Intelligent Interface), azienda leader nel settore ferroviario e nel campo dell’automazione industriale che nella mattinata di martedì 19 novembre ha aperto le porte alle terze medie dell’istituto scolastico “Leonardo Da Vinci” di Saronno.

Galleria fotografica

Fantasia, innovazione, realtà: il trinomio vincente della Spii Spa 4 di 22

La visita dei giovani studenti rientra nel progetto “PmiDay 2019”, proposto dall’Unione degli Industriali della Provincia di Varese e giunto alla sua nona edizione: un’iniziativa che coinvolge 4.300 studenti, finalizzata a far conoscere alle classi terze delle scuole medie della provincia le realtà produttive e le piccole e medie imprese, da cui l’acronimo “Pmi”, presenti sul territorio, attraverso un momento di esperienza diretta presso le aziende locali. Un modo per portare i giovani, il futuro dell’industria italiana, a scoprire cosa fanno e come operano le aziende del Varesotto, venendo così a contatto con il mondo lavorativo al quale progressivamente si avvicinano.

Un “salto nel futuro” a cui SPII Spa ben si presta, come realtà tecnologica all’avanguardia e polo di riferimento negli ambiti dell’interfaccia uomo-macchina, della progettazione elettronica e della produzione industriale evoluta. I ragazzi hanno compiuto il loro viaggio alla scoperta di questa realtà guidati da Giulia Milani, project coordinator in SPII.

SPII Spa, un’azienda affermata del saronnese, nata nel 1947, è specializzata oggi nella produzione di banchi di manovra, tra cui il banco di manovra del Frecciarossa 1000, e di tutti i dispositivi di comando per veicoli ferroviari, con migliaia di progetti all’attivo in tutto il mondo.

La sua forza sta anche nell’espansione conosciuta a partire dal nuovo millennio e che ha portato il brand oltre il confine nazionale, affermandosi a livello europeo e mondiale: l’azienda è infatti divenuta centro di competenza del gruppo
internazionale tedesco “Schaltbau” nel 2015. Negli anni ha stretto relazioni commerciali in Europa, America, Oceania e Asia, realizzando prodotti su misura per veicoli ferroviari in Stati Uniti, Cina, Danimarca, Russia e molti altri paesi, spingendosi fino alle Filippine. Fantasia, innovazione, realtà: il trinomio vincente della Spii Spa

Questi rapporti internazionali hanno permesso e permettono tutt’ora a SPII – come sottolineato ai ragazzi – di confrontarsi e relazionarsi con culture differenti, scoprendo usi e costumi propri delle diverse tradizioni con cui l’azienda si rapporta. Dopo un discorso di presentazione di SPII Spa e della sua mission principale, agli studenti è stato mostrato come funziona l’attività produttiva dell’azienda e quali siano le competenze necessarie per operare all’interno del gruppo SPII, competenze che i giovani della Leonardo Da Vinci sono in procinto di indirizzare e approfondire con la scelta ormai imminente dell’Istituto Superiore.

Dalla comunicazione alle capacità relazionali, passando per abilità prettamente tecniche per la progettazione e la produzione, sono svariate e molteplici le competenze richieste in una realtà come SPII, che non si ferma “solo” alla realizzazione dei prodotti richiesti: uno stimolo per i ragazzi a non fermarsi, ad essere curiosi e desiderosi di imparare sempre, per sviluppare più conoscenze possibili e uno spirito di adattamento e di duttilità, fondamentale anche in un settore estremamente tecnico come quello in cui opera SPII. Questo il messaggio principale che da questa azienda è stato
trasmesso ai giovani studenti.

La visita è proseguita con un “tour” tra i vari reparti e uffici della SPII Spa, per mostrare concretamente ai ragazzi la fase produttiva: tra banchi di manovra, manipolatori, stampanti 3D e apparecchiature di sicurezza, gli studenti si sono
mostrati entusiasti e curiosi di conoscere, facendo trasparire attitudini che sono fondamentali per una futura crescita professionale. L’esperienza del PmiDay si è conclusa con la simulazione di una conversazione in inglese, per
dare spazio a un piccolo approfondimento del gergo tecnico necessario in realtà industriali come SPII e utilizzando la lingua internazionale per eccellenza, l’inglese appunto, la cui conoscenza rappresenta ormai una competenza imprescindibile per i lavoratori di domani.

di
Pubblicato il 20 novembre 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Fantasia, innovazione, realtà: il trinomio vincente della Spii Spa 4 di 22

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore