Il palazzo si tinge di blu in difesa dei diritti dei bambini

L'amministrazione ha deciso di aderire alle serate “GO BLUE”, lanciate da Unicef per il 30° anniversario della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

comune illuminato di blu per i diritti dei bambini

Il palazzo del Comune di Luvinate illuminato di blu.

L’amministrazione ha deciso di aderire alle serate “GO BLUE”, l’iniziativa mondiale lanciata da Unicef per il 30° anniversario dell’approvazione da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

 La proposta #goblue è stata lanciata nel novembre 2018 e molte città in tutto il mondo – anche in Italia – hanno già aderito.

Su invito del corpo docenti e viste le molteplici attività intraprese dai bambini della Pedotti di Luvinate proprio sulla difesa e la promozione dei diritti per tutti i bambini, anche l’Amministrazione ha così deciso di “colorarsi”, per essere al fianco di quanti lavorano ogni giorno per garantire e realizzare dignità e libertà per tutti i ragazzi. Grazie ad alcuni volontari, da ieri sera il Municipio è così colorato di blu.

 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 20 Novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.