Carignola: “Pedemontana, una strada sottoutilizzata per l’incoerenza leghista”

Sui recenti rincari di Pedemontana parla il segretario cittadino del PD Luca Carignola: "se fosse gratuita, tutto il traffico verso la Svizzera, il Comasco, l’Alto Varesotto verrebbe convogliato lì, migliorando sensibilmente la viabilità cittadina"

Pedemontana varese

Non molto tempo fa, dirigenti e militanti della Lega quasi si incatenavano per chiedere la rimozione del casello autostradale di Gallarate e per protestare contro i costanti rincari del pedaggio.

Oggi, gli stessi personaggi sono completamente silenti di fronte all’ennesima, assurda novità che va a penalizzare Varese e la sua mobilità: se infatti la maggior parte delle autostrade italiane non fa registrare aumenti dei pedaggi, con l’inizio del nuovo anno la Pedemontana (così come la BreBeMi, altra “eccellenza lombarda”) ritocca all’insù i costi a carico degli utenti.

Certo, l’aumento è quantitativamente contenuto: nel caso concreto della tangenziale di Varese, si tratta di un solo centesimo in più, col balzello che arriva dunque a 1.07 Euro per ciascun transito. Ma riflettiamo su questa cifra: 1.07 Euro, costantemente in aumento, per 4 (quattro!) chilometri di strada. Non può esserci disincentivo migliore al suo utilizzo.

Ed è un vero peccato, perché così com’è quella tangenziale potrebbe sgravare una gran parte del traffico che attualmente affolla largo Flaiano e il centro città: se quei quattro chilometri fossero gratuiti, tutto il traffico diretto verso la Svizzera, il Comasco, le valli dell’Alto Varesotto e persino i quartieri più orientali della città ne verrebbe convogliato lì, migliorando sensibilmente la viabilità cittadina e di conseguenza la vivibilità di Varese. In quanti, ogni giorno, preferiscono le code del centro città, piuttosto che sentirsi beffati e vessati dall’assurdo Euro e sette centesimi?

Purtroppo, grazie all’incoerenza della Lega che occupa le posizioni di vertice in Regione e della Società Autostrada Pedemontana Lombarda, questa grande opera continua ad essere una triste cattedrale nel deserto, di gran lunga sottoutilizzata e dunque incapace di compensare in alcun modo i grandi sacrifici effettuati da tutti i Comuni attraversati al momento della sua realizzazione.

Come Partito Democratico della città di Varese, così come hanno già fatto con forza i nostri consiglieri regionali e diversi sindaci del territorio, chiediamo che la Regione si attivi al più presto per azzerare il vergognoso pedaggio che impedisce alla tangenziale pedemontana di decollare nella sua piena utilità per Varese e i paesi limitrofi.

E invitiamo gli amici leghisti a svegliarsi, e a prendere coscienza di come il loro malgoverno regionale abbia pessime e beffarde conseguenze sulla quotidianità di migliaia di varesini.

Luca Carignola (segretario Partito Democratico città di Varese)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlo196

    Ma Maroni, ex Presidente della Regione Lombardia, qualche anno fa non aveva promesso di eliminare il pedaggio di questa tangenziale? Non mi risulta che Maroni sia un marinaio per quanto riguarda le promesse…

Segnala Errore