Tutta la Lombardia è “zona gialla” nella lotta contro il Coronavirus

Il governo nazionale ha sigillato la zona rossa mentre quello regionale ha provveduto ad altre limitazioni per fronteggiare il Coronavirus in Lombardia. Ecco tutti i dettagli

C’è una zona rossa, quella cioè dei comuni in quarantena, e una gialla che abbraccia tutti gli altri comuni della Lombardia. È con questa distinzione che si prova a fermare la diffusione del Coronavirus con un doppio provvedimento a livello del governo nazionale e quello regionale.

«La zona rossa è stata identificata con un provvedimento del governo che è andato nella direzione di impedire accesso e allontanamento dei cittadini. Si chiude e si blinda quel territorio perchè gran parte dei contagiati hanno avuto rapporti con quella zona» ha spiegato il governatore Attilio Fontana. A quel provvedimento «se ne aggiunge un secondo che sta per essere firmato da me e si si riferisce a tutta la regione rimanente, identificata come zona gialla. Provvedimenti che vanno nella direzione di impedire situazioni dove il contagio potrebbe diffondersi più velocemente: manifestazioni pubbliche, sportive, locali pubblici e discoteche». Al momento tutti i servizi pubblici rimangono confermati, non ci sono limitazioni sulle aperture dei negozi e il trasporto pubblico rimane regolare.

«Ad oggi processato più di 800 tamponi e 112 positivi con una media del 12% -ha spiegato l’assessore Giulio Gallera- e di questi solo 17 sono in terapia intensiva per un totale di 53 ricoverati». Si è registrato poi un terzo decesso legato al Coronavirus «di una persona già ricoverata in oncologia a Crema», spiega Gallera. Al momento le persone infette sono 3 nella provincia di Bergamo, 14 a Cremona, 49 a Lodi, 1 Monza e Brianza, 2 Milano, 6 Pavia, 1 Sondrio e gli altri in verifica. Nello specifico quelli di Milano sono di Mediglia e Sesto San Giovanni.

La Protezione Civile sta predisponendo alcune località nelle quali potranno essere accolte le persone da tenere in isolamento. Gallera ha poi precisato come «abbiamo 900 posti in terapia intensiva ad oggi e ne stiamo liberando altri».

L’assessore ha poi precisato che «non siamo in una situazione di pandemia ma è bene evitare gli assembramenti che consentono la diffusione del virus. Quindi da un lato la chiusura delle scuole per 7 giorni prorogabili poi a 14» a cui si aggiungono poi altri luoghi «dove si possono ritrovare grandi quantità di persone». In quest’ottica viene sancita «la chiusura dopo le 18 dei luoghi commerciali di intrattenimento e svago» quindi come cinema e discoteche «ma non i ristoranti, dove i numeri sono molto più piccoli».

In quest’ottica «l’invito è di stare al proprio domicilio per contenere il diffondersi di questo fenomeno: se il Paese riesce a gestirlo è meglio per tutti. È uno sforzo quello che chiediamo ai cittadini, cercando di limitarsi nei movimenti». Per Gallera «il virus è aggressivo ma è una forma di influenza non necessariamente letale. Circa la metà delle persone la supera, il 40% con qualche cura guarisce, una percentuale minore soffre di più, in particolare persone di un’età avanzata, più fragili o con patologie pregresse».

È bene ricordare che chi vuole informazioni può chiamare il numero 1500 mentre il 112 va lasciato a chi ha necessità di un intervento. Per le persone nella zona rossa c’è un numero verde dedicato 800894545

Coronavirus, le notizie aggiornate di domenica 23 febbraio

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 febbraio 2020
Leggi i commenti

Video

Tutta la Lombardia è “zona gialla” nella lotta contro il Coronavirus 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore