Alfieri: “Pronti a reagire in caso di discriminazioni nei confronti dei nostri frontalieri”

Il senatore del Partito Democratico si schiera a difesa dei lavoratori che ogni mattina varcano la frontiera: «Non staremo a guardare fino a valutare la chiusura dei valichi «

frontalieri

«Ad oggi il Canton Ticino ha da solo tanti contagi di coronavirus quanti ne hanno insieme le Province di Varese e Como – dichiara il senatore del Partito Democratico, Alessandro Alfieri – Nonostante questi numeri abbiamo appreso nella giornata odierna che le misure introdotte dal Cantone sono decisamente meno forti di quelle applicate dall’Italia. Non saranno infatti chiuse le scuole dell’obbligo, non sono previste restrizioni efficaci per bar e ristoranti e si potranno svolgere incontri, assemblee ed eventi fino ad un massimo di cinquanta persone».

«A questo si aggiungono le quotidiane segnalazioni di datori di lavoro ticinesi che pressano i lavoratori italiani a trasferirsi in Svizzera fino a maggio. Devo sottolineare la collaborazione positiva con le autorità federali elvetiche – continua il capogruppo PD in commissione esteri al Senato – allo stesso tempo le comunicazioni del pomeriggio delle autorità cantonali, in merito a controlli sanitari per i frontalieri italiani, destano invece preoccupazione. Se nelle prossime ore venissero messi in campo controlli vessatori nei confronti dei frontalieri non staremo a guardare fino a valutare la chiusura dei valichi se dovessero verificarsi discriminazioni per i nostri connazionali».

«Questo non è il momento di fare forzature a sfondo politico – conclude Alfieri -, ma è il momento della collaborazione, a partire dall’individuare insieme le misure più efficaci contro il contagio da coronavirus. E il Canton Ticino può fare molto di più».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore