Dal barbecue abusivo alle false certificazioni, venerdì di denunce nel Luinese

Nella giornata di venerdì i carabinieri della Compagnia di Luino hanno denunciato diverse persone per violazioni delle norme previste nella lotta al Coronavirus.

carabinieri controllo coronavirus

Venerdì di controlli sulla circolazione stradale e sugli spostamenti delle persone da parte dei Carabinieri della compagnia di Luino. I militari hanno messo in campo numerosi servizi e attuato posti di controllo su tutto il territorio ed in prossimità di luoghi pubblici.

A Cuvio i militari della locale stazione hanno denunciato sei persone per inosservanza del divieto di spostamento. Tra questi, due richiedenti asilo ospiti di una struttura i quali erano a spasso per la cittadina, tre giovani poco più che ventenni che alle precedenti ore 23 erano in giro in macchina invece di stare a casa ed un 18enne di Maccagno che si trovava a Cuveglio con la sua moto, forse a trovare qualche amico. La stessa denuncia è scattata per un albanese di 30 anni che a Laveno Mombello si trovava in giro senza alcun motivo, mentre i Carabinieri di Maccagno hanno sanzionato un uomo che si stava portando in una seconda casa contrariamente a quanto imposto dalle restrizioni in materia.

A Marchirolo i carabinieri della stazione hanno effettuato posti di controllo lungo la S.S. 233 intimando l’alt ad un’utilitaria condotta da un 40enne del posto. Dalla verifica in banca-dati è emerso che stava guidando con patente già sospesa per guida in stato di ebbrezza comminata l’anno scorso. Per questo motivo il veicolo è stato sottoposto a fermo amministrativo con una sanzione che va dai 2 agli 8mila euro. Poi un altro signore che, in sede di giustificazione ha dichiarato per iscritto di essersi recato presso un centro analisi. È stato denunciato per false dichiarazioni in quanto, dalle verifiche successive fatte dai carabinieri, il luogo da lui dichiarato era chiuso. 

Sempre i militari di Marchirolo, su chiamata di alcuni cittadini, si sono portati presso il parcheggio sopraelevato di un supermercato di Lavena Ponte Tresa. Lì vi erano 4 persone intente a cuocere carne alla brace. Certi di non essere visti, due uomini e due donne sono stati sorpresi mentre grigliavano le braciole e sanzionati secondo la normativa in vigore, oltre che essere stati invitati a liberare immediatamente lo spazio occupato. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da seve58

    Che cosa fare, alcune persone, gli entra prima in quel posto che in testa.

  2. Scritto da Felice

    Come dice il governatore De Luca …mandategli i Carabinieri con il lanciafiamme

Segnala Errore