Poco meno del 40 per cento dei lavoratori lombardi resta “a casa per decreto”

In provincia di Varese le misure restrittive tengono a casa circa 141 mila lavoratori, di cui 70 mila solo nel settore industriale Lo studio dell'osservatorio Statistico Consulenti del Lavoro 

Generico 2018

Sono 1,6 milioni i lavoratori lombardi che hanno sospeso l’attività lavorativa dopo le chiusure previste dai decreti dell’11 e del 22 marzo 2020.

A dirlo, un’analisi dell’Osservatorio Statistico Consulenti del Lavoro basata su dati MFR (ISTAT forze di lavoro).

I NUMERI IN LOMBARDIA

Nello studio è evidenziato inoltre come il 28,8% di loro risieda a Milano (464 mila lavoratori), il 15,2% a Brescia (244 mila lavoratori) e il 12,4 a Bergamo (199 mila lavoratori). Al quarto posto la provincia di Varese, con l’8,7% di occupati costretti a casa.

Complessivamente, su 100 occupati, sono il 37,5% quelli che “restano a casa per decreto”, una percentuale che ovviamente non tiene conto di tutte le attività non rientranti nella lista Ateco, ma che hanno chiuso per scelta propria.

Ben il 42,6% degli occupati interessati dai DPCM lavora nel manifatturiero (687 mila occupati), in primis fabbricazione di prodotti di metallo (11% del totale dei lavoratori che restano a casa), fabbricazione di macchinari (8,1%) e a seguire metallurgico (4%). Complessivamente su 100 occupati nel settore manifatturiero, sono 60 a restare a casa per chiusure obbligate.

Le attività commerciali si fermano in larga parte, lasciando a casa 267 mila lombardi (il 16,6% di quanti sono interessati dal decreto), ma anche per i servizi si registra una battuta d’arresto importante: sono 506 mila i lavoratori interessati dal decreto che lavorano nei diversi settori (31,4% del totale), in primis attività di ristorazione (12,1% per 194 mila addetti), e a seguire servizi alla persona, come parrucchieri, centri estetici (4,6%), attività di ricerca e selezione del personale (2,3%), attività immobiliari (2,3%).

Complessivamente, in Lombardia il 37,5% degli occupati è costretta a casa per la chiusura dell’attività economica. La quota più elevata si registra nelle provincie a più alta densità produttiva, come Brescia (45%) e Lecco (44,5%), a seguire Mantova, Bergamo e Como.

A Milano, città a forte vocazione terziaria, il blocco delle attività interessa, invece, il 33% degli occupati.

LA SITUAZIONE A VARESE

Nella provincia di Varese le misure restrittive adottate dal Governo per l’emergenza Covid-19 tengono a casa circa 141 mila lavoratori (il 37,6% del totale) di cui quasi la metà, 70 mila, solo nel settore industriale (55,6% sul totale degli occupati del settore), 23 mila nel commercio (46,5%)  e 15 mila nelle costruzioni (65,1%).

«In questa situazione e con tali numeri diventa urgente la sospensione di tutte le scadenze e degli obblighi diversi dalla gestione delle pratiche di intervento degli ammortizzatori sociali – Ha commentato la presidente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Varese Vera Stigliano unendosi alle richieste sottoscritte a livello nazionale da Ancl e Ordine dei Consulenti del lavoro – Se non vengono immediatamente presi provvedimenti finalizzati a non aggravare il lavoro degli studi molti lavoratori non riceveranno in breve tempo gli indennizzi previsti dagli ammortizzatori sociali».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore