Camion perde il carico, pezzi di animali bloccano la strada tra Casale e Varano Borghi

Responsabile un camion con il carico fissato male che, senza che il guidatore se ne fosse accorto, nei pressi della curva ha perso il proprio contenuto

carne strada casale litta

Dev’essere stata una scena decisamente raccapricciante quella apparsa ai primi che si sono accorti del problema lungo a strada che da Casale Litta porta a Varano Borghi. Nella mattinata di mercoledì 22 aprile la carreggiata era disseminata di scarti di lavorazioni animali.

Gambe di pollo, ossa di bovino, teste di maiali. Un’ingente quantità di scarti di carne bloccava di fatto la viabilità lungo la strada tanto che immediatamente è stato attivato il Comune di Casale Litta e le forze dell’ordine.

Sul posto anche il sindaco Graziano Maffioli che, insieme alle autorità, si è occupato di risalire ai responsabili dell’accaduto. Dopo le prime ricerche, cominciate da un documento ritrovato insieme agli scarti, si è potuto ricostruire i fatti.

Responsabile è stato un camion con il carico fissato male che, senza che il guidatore se ne fosse accorto, nei pressi della curva ha perso il proprio contenuto.

Risaliti all’azienda proprietaria del mezzo è stata subito avviata la procedura di pulizia e sanificazione della strada che in tarda mattinata è stata riaperta regolarmente.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da UnoAcaso

    Questa notizia è straziante, sì lo dico da vegano, questa brutale industria che sta letteralmente distruggendo il pianeta deve essere fermata, ad ogni costo.
    Basta con la retorica del cerchio della vita, a cui come razza umana bariamo, trascendendo la natura con scienza, medicina e tecnologia. Basta con la retorica del leone e della catena alimentare, il leone lo fa per sopravvivenza e noi viviamo nel primo mondo, andate nudi nella savana e vediamo chi è in cima alla catena alimentare. ASSASSINI

Segnala Errore