“Chicchi di riso”, nuovo video rap che esalta le bellezze di Varese

“Onde pt.2” è il nuovo singolo del rapper varesino Giovanni Satta che nel 2017 ha dato vita al progetto "Chicchi di Riso". Nel video le immagini dal lago a Villa Mylus fino alla cima del Campo dei Fiori

Generico 2018

Un nuovo video musicale che esalta le bellezze di Varese, dal lago al parco di Villa Mylius fino alla cima al Parco Campo dei Fiori.

È uscito a mezzanotte del 10 aprile il nuovo brano di “Chicchi di Riso, nome del progetto musicale di Giovanni Satta, varesino classe ’96. Un progetto urban-rap sempre in evoluzione e in ricerca.

Il video pubblicato su YouTube è stato girato per il pezzo “Onde pt.2”. Le riprese sono state fatte da A8 Film per la regia di Elia Tombacco, non nuovo a collaborazioni con Chicchi di Riso.

Giovanni ha fatto uscire il suo primissimo brano “Chiamami” il 17 Novembre 2017, estratto dal mixtape che darà poi nome al progetto. Tra il 2018 e il 2019 si diverte ad arricchire il suo mixtape con cover, video e pezzi che parlano di sé. Il suo percorso lo porta ad esibirsi per la prima volta nell’estate 2019 sul palco della Festa della Schiranna, invitato dall’associazione COVO. Debutta ufficialmente con il singolo “Odio o Perdono” che fa parte dell’EP “Paradise”, a breve disponibile su Spotify e Youtube.

Si avvicina alla musica entrando dalla porta sul retro dell’universo rap. Cresciuto in una casa dove si ascoltano generi più o meno ricercati, viene catturato dalla potenza descrittiva unita ad una semplicità di composizione e di ascolto che solo il rap possiede attualmente. Forma il suo personale gusto partendo da artisti italiani, per poi volare oltreoceano a scoprire le origini e le nuove sperimentazioni. Pochi anni da osservatore bastano prima che nasca il progetto “Chicchi di Riso”. Senza passare da percorsi accademici e con pochi strumenti, riesce a creare le sue prime atmosfere, scrivendo sempre in autonomia i suoi testi ed appoggiandosi a musiche già esistenti ritoccate qua e là.

Nel frattempo conduce una vita strettamente legata al mondo della ristorazione cercando di trovare equilibrio tra queste due realtà così distanti ed in egual modo immersive.
“Chicchi di Riso” si concentra quindi sulla composizione dei testi attingendo a piene mani dalla sua vita, raccontandosi senza filtri e senza superflue caricature.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore