È morto Guglielmo Giusti, ultimo partigiano di Somma

Ventenne era salito in montagna per combattere nelle fila della Divisione Valtoce, partecipò anche alla Repubblica dell'Ossola e venne internato in Svizzera

Generico 2018

È morto, nella sua casa a Somma Lombardo, Guglielmo Giusti, 95 anni.

Era l’ultimo partigiano della città.

Era nato nel 1924 e, come tutti, era cresciuto sotto il regime. Conoscevano solo il fascismo, non altro: «Di quel periodo ricordo però con fastidio il conformismo, il consenso carpito con la forza». Così inizia il suo memoriale, scritto a metà anni Settanta: ricordava la sua scelta, una tra le tante.

Andò a combattere – come molti sommesi – nelle fila della Divisione Valtoce, d’impronta militare e moderata, comandata dall’ufficiale Alfredo Di Dio e legata a doppio filo (per gli arruolamenti e i rifornimenti) al gruppo cattolico-democratico di Busto Arsizio.

Arrivato alla formazione il 26 giugno 1944 (insieme ai concittadini Angelo Elleno, Bruno Mattaini e Sereno Argenton, anche se non si conoscevano), visse la guerra partigiana estiva nella valle del Toce, lo scontro di Piedimulera in cui morì l’amico sommese Ugo Maspero, i “quaranta giorni di libertà” della Repubblica dell’Ossola, la drammatica ritirata in Svizzera. Internato in un campo elvetico, tentò la fuga, fu ripreso e poté tornare in Italia solo dopo la Liberazione.

Nel dopoguerra era rimasto attivo nelle file dell’associazione Raggruppamento Divisioni Alfredo Di Dio, che fa parte della Federazione Italiana Volontari della Libertà, i partigiani “azzurri”.

«Ha contribuito anche a trasmettere la memoria degli altri partigiani sommesi, tra cui Ugo Maspero» dice Ermanno Bresciani, che aveva a sua volta raccolto le testimonianze di Giusti negli ultimi anni.

«Ho avuto la fortuna di poterlo incontrare due anni fa, accompagnato dall’amico Angelo Ruggeri» ricorda il sindaco di Somma Stefano Bellaria. «Nonostante il fisico lo costringesse a muoversi con difficoltà, la mente andava libera tra le montagne in cui tanti giovani come lui hanno messo in gioco la loro vita per garantire la nostra libertà. In quell’occasione mi ha regalato un libro di poesie scritte da Renato Boeri, uno dei comandanti delle divisioni “Alfredo Di Dio”. Un libro dal titolo evocativo: “Più non torneranno al piano”. Grazie al partigiano Guglielmo Giusti, Somma gli rende omaggio con stima e riconoscenza».

Il suo memoriale si può leggere qui, sul sito del Raggruppamento Di Dio, che ha sedi con museo a Busto Arsizio e Ornavasso.


di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 07 aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore