Lega sul tema frontalieri: “Pd senza vergogna, mistifica realtà per mascherare suoi fallimenti”

La nota di risposta dell'europarlamentare Alessandro Panza, insieme con i parlamentari Nicola Molteni, Eugenio Zoffili, Stefano Candiani, Matteo Bianchi e Dario Galli

dogana svizzera apertura

“Senza vergogna: ancora una volta, il Partito Democratico mistifica la realtà al solo fine di mascherare i propri fallimenti. La Lega, a differenza del Pd sempre attenta e vicina alle esigenze dei frontalieri, aveva bloccato l’accordo portato avanti dalla sinistra con la Svizzera, che aveva un impatto fortemente negativo sui lavoratori frontalieri e che mortificava i territori di confine, al fine di ottenere un provvedimento migliorativo. Così stanno le cose: tutto il resto sono solo accuse strumentali da parte del Pd. Non accettiamo lezioni da chi si è sempre disinteressato delle sorti dei frontalieri, da chi durante l’emergenza Coronavirus non si è minimamente occupato della riapertura delle frontiere, ancora attuale dal momento che ci sono tuttora dogane chiuse e disagi per i lavoratori, e da chi si è opposto alla richiesta della Lega di prevedere fondi a sostegno dei frontalieri che perdono il lavoro a causa delle conseguenze dell’epidemia. Il governo Pd-M5s aveva annunciato a gran voce una riapertura delle frontiere il 3 giugno, la Svizzera li ha smascherati: se va bene si dovrà aspettare una settimana, altrimenti un mese. Il Pd dovrebbe rendersi conto che oggi più che mai c’è bisogno di risposte certe e azioni concrete, non di sterili polemiche”.

Così in una nota l’europarlamentare Alessandro Panza, insieme con i parlamentari Nicola Molteni, Eugenio Zoffili, Stefano Candiani, Matteo Bianchi e Dario Galli

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sillaba

    Certo che uno della Lega che si lamenta dopo lo scempio successo in Lombardia vuol dire non avere nessuna vergogna.

  2. Scritto da Franklin

    Mistifica cosa? Basta leggere la lettera. Vergogna è l’unica parola che mi viene in mente.

  3. Scritto da lenny54

    I ristorni dei frontalieri vengono assegnati in base al numero dei lavoratori presenti in ciascun comune. Con il sistema proposto da Fontana il 50 % verrebbe gestito direttamente dalla regione. Quindi i fondi andranno agli amici degli amici e non ai comuni indipendentemente dal colore della giunta locale! Che invenzione ! Dopo quanto successo non conoscono proprio il senso della parola vergogna o onesta’ intellettuale !

Segnala Errore