Gli addetti alle pulizie degli aerei rimangono senza sussidi

La questione riguarda un'azienda che lavora in appalto per due società di handling: solleva il caso la Cub Trasporti

Malpensa "deserta"

Mentre molte realtà a Malpensa sono coperte da cassa integrazione, non mancano lavoratori rimasti “scoperti”, perché la cassa non viene anticipata.

Il problema riguarda soprattutto i settore del commercio e delle pulizie e la Cub Trasporti solleva oggi il caso della National Cleanness srl. «I lavoratori non ricevono nessun sussidio», dice Renzo Canavesi.

Secondo il sindacato di base, «nessuna comunicazione viene fatta ai dipendenti da parte della direzione aziendale che attesti l’invio all’Inps (sr41) delle richieste di pagamento, con il risultato che i lavoratori neppure possono verificare quando arriverà il sussidio».

«La National Cleanness srl opera la pulizia aerei su appalto delle società di handling (Airport e Aviapartner) e che il 9 marzo scorso le altre organizzazioni sindacali hanno sottoscritto un accordo per la FIS (fondo integrazione salariale) che, seppur il fondo preveda espressamente l’anticipo del sussidio da parte aziendale, lo ha escluso».

«O questa situazione, simile a tante altre, non si sblocca velocemente o inevitabilmente dovremo organizzare manifestazioni presso le sedi aziendali anche delle committenti ed all’Inps di Varese».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore