Varese News

Perché Isolare la tua casa? Risparmi energetici ed Ecobonus

Ci sono innumerevoli fattori diversi da considerare, quando si cerca di fare qualche taglio al budget per la casa e risparmiare

EcoBonus

Ci sono innumerevoli fattori diversi da considerare, quando si cerca di fare qualche taglio al budget per la casa e risparmiare. A volte, la migliore soluzione per conservare dei soldi è spenderli.

Sai che una delle cose che ci fa spendere di più, nel bilancio economico domestico, è la dispersione del calore?

Il climatizzatore che lasciamo sempre acceso quando fa caldo e il termosifone al quale ci attacchiamo quando fa freddo non sono altro che dei falò dentro i quali buttiamo tutti i nostri guadagni mensili.

Si tratta di spese esose che, oltre a non poterle sostenere finanziariamente, fanno anche del male al pianeta.

Più calore prodotto da questi elettrodomestici vuol dire più consumo di energia elettrica (un considerevole, scandaloso consumo), il quale si traduce ovviamente in un bisogno sempre più pressante di materie prime da impiegare nelle centrali per produrre ed erogare questa corrente elettrica.

Quando andavamo a scuola, i nostri insegnanti cercavano di scoraggiarci allo sperpero sconsiderato delle risorse del nostro pianeta, poiché queste non sono infinite. Allo stesso modo, nemmeno i nostri redditi sono infiniti e quando noi paghiamo la bolletta non possiamo attingere da un pozzo senza fondo.

Una prima soluzione è cercare di essere responsabili e previdenti. Purtroppo neppure questo basta del tutto a far sì che non si sprechi troppo in una casa, soprattutto se vi abitano parecchie persone. In estate sentiremo sempre bisogno del freddo e in inverno sentiremo bisogno del caldo: è inevitabile.

Come risolvere allora? Sembrerà assurdo, ma la risposta che ti aiuterà a risparmiare più soldi possibili è “spendi un po’ di soldi”. Sì, perché con un impianto di isolamento termico non avrai più alcun problema relativo al calore, o alla mancanza di calore.

La sostanza è che non avrai più bisogno di accendere ogni due per tre un elettrodomestico che ti tenga protetto dal clima stagionale, poiché all’interno della tua casa la temperatura si manterrà sempre stabile.

Inoltre, questi impianti che proteggono te e la tua casa non sono interamente a carico tuo: per legge esistono certi tipi di interventi che è possibile effettuare sfruttando delle agevolazioni fiscali importanti  (i cosiddetti “ecobonus”): per sfruttare questo vantaggio puoi richiedere gratuitamente una consulenza online su Isolacasa.it/Ecobonus110%

Andiamo ad approfondire al meglio questo aspetto e questa importante novità che è contenuta all’interno del decreto rilancio del 2020, che ha provato consensi, dissensi e discussioni varie.

Ecobonus 110 per cento: cosa prevede e chi ne può usufruire?

Questo misura è stato approvata nello scorso maggio all’interno del decreto rilancio approvato dal CDM guidato da Conte e che è stato pubblicato qualche settimana fa nella Gazzetta Ufficiale.  Questa misura in sostanza prevede una detrazione fiscale del 110 per cento sulle spese che una persona decide di effettuare per degli interventi di riduzione del rischio sismico e per l’efficientamento energetico.

L’ecobonus inizierà ad avere validità all’inizio del prossimo mese:quindi chi sosterrà queste spese dal primo luglio fino al 31 dicembre 2021 (salvo proroghe fino al 31 dicembre 2022 di cui si sta discutendo). La detrazione di cui stiamo parlando si potrà recuperare in vari modi:

  • Attraverso 5 rate di pari importo
  • Sconto in fattura
  • Cessione del credito

Potranno usufruire di questo importante beneficio gli Istituti delle case popolari, i condomini e anche persone fisiche che sono al di fuori delle attività di impresa: queste ultime potranno utilizzare l’ecobonus in caso di lavori che si andranno ad effettuare su un appartamento singolo.

Altro quesito importante che tante persone si pongono è il seguente:quali sono nello specifico i lavori di ristrutturazione per i quali si può usare l’ecobonus al 110 per cento?

  • Sostituzione della caldaia con impianto centralizzato per le unita unifamiliari: però l’importo totale delle spese non deve superare 30 mila euro. All’interno di questa cifra devono essere comprese le spese sia per la bonifica dell’impianto che si deve cambiare e anche per il suo smaltimento
  • Sostituzione della caldaia con impianto centralizzato a condensazione con un limite di 30 mila euro moltiplicato per ogni singola unità abitativa
  • Isolamento termico di una superficie opaca sia verticale che orizzontale e che riguarda l’involucro dell’edificio, per ¼ almeno della stessa superficie

Per informazioni su Isolazione con fibra di cellulosa consigliamo di visionare il portale dedicato Isolacasa.it, sopralluoghi e preventivi gratuiti al 800/251025.

 

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore