La riapertura delle frontiere raddoppia i voli di Malpensa

Lo scalo arriva a duecento movimenti giornalieri e si inserisce nelle stime di crescita che il gestore aeroportuale Sea aveva annunciato a metà mese puntando ad un milione di passeggeri ad agosto

aeroporto

Se la riapertura delle frontiere extra Ue per molti è simbolo di un ritorno progressivo alla normalità per la complessa macchina aeroportuale di Malpensa significa nell’immediato il raddoppio dei voli e un conseguente aumento di passeggeri sui quali, per ora, si possono fare solo delle stime.

L’Unione Europe riapre infatti le sue frontiere ma non a tutto il mondo: per ora solo una lista di 15 Paesi, tra cui la Cina, potranno entrare nel vecchio continente, e tra questi restano fuori gli Stati Uniti ma anche la Russia ed il Brasile.

L’Italia ha scelto la linea della prudenza, mantenendo in vigore l’isolamento fiduciario e la sorveglianza sanitaria per tutti i cittadini provenienti dai Paesi extra-Schengen. La misura si applica anche ai cittadini dei 14 Paesi individuati dall’Ue nella “lista verde”, da e per i quali ci si può muovere liberamente.

Nell’elenco degli ammessi ci sono l ‘Algeria, l’Australia, il Canada, la Georgia, il Giappone, il Montenegro, il Marocco, la Nuova Zelanda, il Ruanda, la Serbia, la Corea del sud, la Tailandia, la Tunisia e l’Uruguay, ma anche la Cina a condizione della reciprocità, e il Regno Unito, ancora considerato Europa. Si tratta di un elenco che verrà rivisto e aggiornato ogni 14 giorni.

Le ripercussioni positive sull’aeroporto di Malpensa sono immediate con i primi aumenti registrati dalle compagnie aere: Ryanair e Easyjet hanno già aumentato i loro voli. Turkish Airlines è già atterrata sulle piste della brughiera e si appresta a ripartire, si attende Tunisair.

L’aumento dei voli è un raddoppio che sfiora i duecento movimenti giornalieri e si inserisce nelle stime di crescita che il gestore aeroportuale Sea aveva annunciato a metà mese, «A luglio ci aspettiamo 600mila passeggeri, ad agosto un milione», aveva detto il Chief Operating Officer Alessandro Fidato. Un numero che oggi è un barlume di speranza per tutto l’indotto aeroportuale e turistico del Paese ma molto lontano dai 3,5 milioni di passeggeri mensili della scorsa estate.

di tomaso.bassani@varesenews.it
Pubblicato il 01 luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore