Apre a settembre la galleria di base del Ceneri: Alptransit ora è completa

Il 4 settembre inaugurazione dell'opera e consegna alle FFS, le Ferrovie di Stato Svizzere, che la gestiranno. Presenti la presidente della Confederazione e quello del Canton Ticino

Alp Transit Ceneri

La prima settimana di settembre 2020 si svolgerà nel segno di Alptransit e della galleria di base del Ceneri, l’ultimo dei tunnel da completare per arrivare a compimento dell’opera.

Il 4 settembre la presidente della Confederazione svizzera Simonetta Sommaruga, il consigliere federale Ignazio Cassis e il presidente del Consiglio di Stato ticinese Norman Gobbi inaugureranno l’opera e la consegneranno alle FFS, le Ferrovie di Stato Svizzere, che gestiranno la galleria di base.

Nella vigilia sono in programma incontri tra la presidente Sommaruga e rappresentanti dei paesi partner:  «Alptransit, fulcro del corridoio per il trasporto merci su rotaia attraverso le Alpi,  rafforza la politica svizzera di trasferimento del traffico – spiega una nota dell’Ufficio federale dei trasporti – Grazie alla galleria di base del Ceneri, inoltre, il Ticino usufruirà di un’interessante rete celere regionale».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 06 Agosto 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Giorgio Martini Ossola
    Scritto da Giorgio Martini Ossola

    Da queste notizie si dovrebbe capire a che gente noi italiani siamo in mano. Questa galleria è costata meno di quanto preventivato ed è stata terminata nei tempi previsti,25 miliardi di franchi spesi bene e di cui i cittadini svizzeri ne sono orgogliosi. Altro che le inaugurazioni in pompa magna(magna nel senso esatto del termine…) a cui siamo abituati.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.