Quantcast

“Asintomatico il 92% dei nuovi positivi ma i ricoveri aumentano. Via al piano per ampliare i reparti Covid”

Il direttore generale del Welfare lombardo Marco Trivelli spiega i numeri dei nuovi positivi: "1.212 dei positivi odierni sono persone con meno di 50 anni. Di questi, 297 sono minorenni"

marco trivelli

A commentare l’alto numero di tamponi positivi al Coronavirus comunicato oggi, con la crescita di 99 ricoveri in Lombardia, arrivano le parole del direttore generale del Welfare Marco Trivelli.

“La massiccia attività di tracciamento, caratterizzata da 29.048 tamponi effettuati in un solo giorno – ha spiegato il dg -, ha permesso di individuare un numero molto alto di casi positivi (1.706 esiti di ieri e 138 riferiti ai giorni precedenti, ma caricati oggi dalla rete dei laboratori). Più della metà dei positivi (1.032) vengono registrati in provincia di Milano”.

Tra i casi positivi emersi la stragrande maggioranza non presentano sintomi: “Il 92% dei positivi – spiega Trivelli – manifesta pochi sintomi o addirittura nessuno. Tuttavia, sulla base di questi numeri assoluti, i pazienti ricoverati nei reparti dei nostri ospedali aumentano di 99 unità, mentre rimane contenuto (due in più rispetto a ieri) il saldo dei pazienti in terapia intensiva (64 nel complesso)”.

Al lavoro per incrementare il numero di posti letto ospedalieri

“A fronte di queste evoluzioni – sottolinea il direttore generale – insieme ai direttori generali delle ATS, ASST e IRCCS delle Lombardia, e con i rappresentanti delle associazioni di categoria degli ospedali privati accreditati, stiamo lavorando per disporre un rapido incremento della disponibilità di posti letto dedicati ai pazienti Covid, in linea con quanto prevede il Piano regionale”. “Sarà ulteriormente rafforzata – conclude Trivelli – l’attenzione della rete dei servizi e degli interventi territoriali sui cittadini più esposti: 1.212 dei positivi odierni sono persone con meno di 50 anni. Di questi, 297 sono minorenni. Bisogna quindi continuare a mantenere alta la guardia, attraverso l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e il mantenimento delle distanze di sicurezza”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore