In città 1000 bambini e 55 classi pronti a una marcia virtuale

Coinvolge 8 Istituti comprensivi la Marcia Diritto 2020, manifestazione varesina per la Giornata internazionale dei Diritti dell'infanzia e dell'adolescenza

Unicef e la marcia per i diritti dei bambini

Domani, venerdì 20 novembre, sarà la Giornata Internazionale dei Diritti dell’infanzia e anche quest’anno torna la tradizionale manifestazione varesina Marcia Diritto che però si svolgerà in modalità virtuale e in diretta streaming.
Ad organizzare l’iniziativa varesina sono gli assessorati ai Servizi sociali e ai Servizi Educativi del Comune di Varese, in collaborazione con l’associazione Progetto Zattera e Unicef Varese.

«L’emergenza sanitaria ha imposto un ripensamento della tradizionale marcia che ogni anno colorava le vie del centro varesino – afferma Martin Stigol del progetto Zattera – Abbiamo però ideato un ricco programma di iniziative che verranno trasmesse, per la prima volta in diretta Youtube, ispirandosi agli articoli della Convenzione ONU dei Diritti per l’infanzia e dell’adolescenza».
La marcia virtuale coinvolgerà comunque 1000 bambini che, ciascuno dalla propria classe, parteciperanno ad un evento unico nel suo genere perché metterà al centro l’importanza di riconoscere gli aspetti essenziali di una cittadinanza partecipativa in città e nel territorio.

«I nostri ragazzi ci stanno dando un messaggio di speranza enorme – afferma l’assessora ai servizi educativi Rossella Dimaggio ringraziando tutti i bambini – La loro grande capacità di rispetto delle regole e resilienza permette di mantenere aperte le scuole. Ci stanno dimostrando ogni giorno, con la loro grande forza e tenacia, che anche in questa situazione riescono a portare avanti un diritto fondamentale: il diritto alla loro istruzione. L’assessorato, insieme al grande lavoro del personale scolastico, sta facendo di tutto per mantenere viva la scuola e i suoi servizi, proprio per rispettare questa grande voglia che i nostri ragazzi hanno di vivere le aule scolastiche. Per questo la marcia avrà un valore in più: dalle aule ogni bambino potrà affermare questa grande volontà. Non potremo quindi trovarci nelle strade di Varese per ballare e cantare ma ci vedremo comunque con altre modalità. Perché la giornata dei diritti quest’anno la faremo tutti i giorni, ne abbiamo un gran bisogno».

La “Marcia Diritto” per la giornata dell’infanzia si fa, ma sui social

Per questa 20° edizione verranno proposte una serie di iniziative che avranno il compito di tenere viva l’attenzione su una giornata dedicata all’infanzia con gli strumenti dell’arte e del gioco del teatro. Questa nuova collaborazione online, come nelle edizioni precedenti, sarà condivisa in rete con gli Istituti comprensivi, il Distretto di zona, le associazioni e cooperative, gli enti pubblici e privati, con l’obiettivo di rafforzare la possibilità di mettere insieme una rete di organizzazioni che svolgono quotidianamente percorsi e iniziative di educazione alla cittadinanza per l’infanzia e l’adolescenza.

La giornata sarà articolata in diverse azioni interattive e multimediali: una di queste sarà creare l’immagine virtuale di un gruppo di bambini che camminerà per le vie della città per arrivare insieme al “Giardino dei Diritti” nel quale, anche questo anno, verrà piantato un albero. Un’altra azione sarà l’ideazione e la messa in onda di un TG delle Buone Notizie, scritto a quattro mani da Noemi Bassani e Martin Stigol, e composto da tanti “inviati speciali” che saranno i rappresentati dalle varie scuole coinvolte.

«Sarà una giornata realizzata grazie alla progettazione condivisa con circa 55 classi delle scuole primarie – spiega l’assessore ai Servizi sociali Roberto Molinari – Da qui partirà un messaggio di speranza che vogliamo si diffonda a tutta la città. In questi mesi uno degli impegni dei servizi sociali è stato proprio quello di aiutare e sostenere chi nella crisi sanitaria sta soffrendo di più. La giornata dei diritti deve ricordarci che la nostra comunità deve restare vicina e non dobbiamo lasciare indietro nessuno».

di
Pubblicato il 19 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.