“Sequestro di persona”, parroco arrestato in Ticino

Apertura di un procedimento penale a carico di un 80enne sacerdote svizzero residente nel Luganese

varie

«Sequestro di persona», «coazione» e «lesioni semplici per condotta omissiva».

Sono questi i reati del codice penale svizzero ipotizzati dalla magistratura ticinese ai danni di un sacerdote.

L’uomo, di 80 anni, prete di nazionalità svizzera domiciliato nel Luganese è in questi giorni sottoposto ad accertamenti per stabilire eventuali responsabilità riguardo a possibili comportamenti di rilevanza penale riferibili alla presenza, in un appartamento occupato dall’uomo, di una 48enne cittadina straniera risultata priva di regolare permesso di soggiorno.

Le indagini sono confermate dal Ministero pubblico e dalla Polizia cantonale.

Spetterà ora al Giudice dei provvedimenti coercitivi (GPC) valutare la sussistenza dei presupposti per la conferma dell’arresto.

L’inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Pamela Pedretti. Altri accertamenti sono in corso, dicono gli inquirenti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore