Varese sconfitto, Ezio Rossi: “Serve una rabbia diversa”

Il tecnico biancorosso era al suo esordio da allenatore al “Franco Ossola”. “Mi aspettavo una prestazione differente”

Varese - Sanremese 0-3

Perde malamente in casa, sconfitto 3-0 dalla Sanremese, il Varese. Un brutto esordio al “Franco Ossola” per mister Ezio Rossi: «Sinceramente abbiamo fatto una prestazione che non mi aspettavo, anche se penso che abbiamo perso contro squadra forte. Abbiamo sofferto molto e abbiamo sbagliato anche quando potevamo fare meglio, come nelle ripartenze nel primo tempo. La squadra ha una fragilità caratteriale da risolvere. Nel secondo tempo, anche con il cambio di modulo, stavamo facendo qualcosa di interessante ma il secondo gol ci ha tagliato le gambe».

Mister Rossi analizza più in profondità le mancanze della sua formazione: «Abbiamo pochi giocatori di carattere, servirebbero 4 o 5 elementi come Balla. Ora l’obiettivo deve essere quello della salvezza, anche all’ultima giornata. Serve una rabbia agonistica diversa per conquistarsi la pagnotta. Bisogna andare in campo avendo cattiveria interna. Guitto purtroppo lo conoscono e non gli danno spazio. Ci manca fisicità, vediamo nel mercato come poter agire. Ci metteremo al tavolo a breve con i dirigenti; la squadra ha una rosa ampia e qualcuno potrebbe anche salutare».

Francesco Mazzoleni
francesco.mazzoleni@varesenews.it
Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 20 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.