Varese News

A casa come in classe, il sistema di videoconferenza Elmec in 5 scuole del Legnanese

Donato grazie al Lions di Rescaldina il sistema di videoconferenza sviluppato da Elmec con tecnologia Logitech che potenzia la didattica ibrida

Elmec

Anche in 5 scuole superiori di Legnano e Parabiago arriva il sistema di videoconferenza sviluppato da Elmec con tecnologia Logitech che potenzia la didattica ibrida, quando una parte degli studenti é presente in classe e un’altra é collegata in sincrono da casa.

Si tratta di un kit per videoconferenze che consente la trasmissione di immagini e audio in altissima qualità, associata a una telecamera intelligente in grado di zoomare sulle persone che prendono parola in aula, permettendo così una maggior comunicazione nella classe.

La tecnologia è stata donata grazie al supporto del Lions Club di Rescaldina che, come spiegato in conferenza stampa dal presidente Gian Castellani, ha deciso di sostenere le attività scolastiche nelle difficoltà pandemiche e nella lotta contro l’evasione e l’abbandono didattico.

La sperimentazione è iniziata al Liceo Daniele Crespi di Busto Arsizio nel settembre 2020 grazie alla donazione effettuata dalle aziende  al Liceo bustocco e ad altre tre scuole della provincia di Varese: «In questa pandemia – ha spiegato Cristina Boracchi, preside dell’istituto bustocco –, è stato necessario per far sì che la distanza fisica non diventasse anche sociale. Questa innovazione ha permesso agli studenti di sentirsi davvero un gruppo classe attraverso una piena interattività audio e video in sincrono tra i ragazzi presenti in aula e quelli che, per quella giornata, sono rimasti nelle proprie case. Una tecnologia essenziale in questo periodo ma che sarà utile anche dopo, per quei ragazzi che, ad esempio per ragioni sanitarie, non potranno essere presenti fisicamente in aula, ma riusciranno a seguire le lezioni a distanza. Si possono svolgere in questa modalità anche corsi di recupero e di perfezionamento, laboratori e iniziative culturali».

Alessandro Ballerio, amministratore delegato di Elmec Informatica, ha spiegato che si tratta di «uno strumento di videoconferenza aperto, non legato a nessuna piattaforma software e tool, che permette una condivisione unica che elimina le barriere tecnologiche. Per noi – ha aggiunto Ballerio – aiutare la scuola non è solo doveroso ma anche un vero e proprio investimento per il futuro. Come azienda siamo sempre alla ricerca di giovani talenti, formati e motivati da inserire nell’ambito informatico. Investire sulla scuola è investire su noi stessi, la nostra economia e la nostra società».

Il kit è stato donato al Liceo Galileo Galilei, all’Istituto Superiore Carlo Dell’Acqua e l’ISIS Bernocchi di Legnano, mentre gli istituti di Parabiago omaggiati sono l’ITET G. Maggioli e il Liceo Cavalleri. Ogni scuola utilizzerà la strumentazione in base alle proprie esigenze. Al Bernocchi, ad esempio, come ha spiegato la preside Annalisa Wagner, «il dispositivo è stato messo in aula magna per organizzare videoconferenze sincrone con personaggi di spicco, a cui possono partecipare tutti gli studenti dell’istituto dalle loro classi o da casa».

Anche il Liceo Cavalleri ha collocato la tecnologia in un’aula magna ricavata da due stanze con pareti mobili. La preside Chiara Lanzani ha sottolineato l’importanza di questo strumento come supporto durante la pandemia. «Penso che la DAD sia una risorsa che ci ha permesso di portare avanti la nostra attività e che ci ha aperto la mente a iniziative a distanza per coinvolgere i ragazzi».

Presenti alla conferenza anche i dirigenti dell’ufficio  Scolastico Territoriale di Milano e della Provincia di Varese, rispettivamente Marco Bussetti e Giuseppe Carcano, entrambi concordi sul fatto che la crisi sanitaria ha portato uno spirito propositivo e la conseguenza sono tecnologie come Logitech. “«a scuola è un bene per i singoli e la comunità – ha aggiunto Carcano – più scuola significa più PIL».

V.S.

info-redazione@legnanonews.com
Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 05 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.