Atti vandalici contro i vagoni di Trenord, oltre novemila in un anno

Lunedì 15 febbraio la distruzione di vetri e porte ha costretto la soppressione di tre corse sulle linee bergamasche e due nel pavese. Nel 2019 spesi più di 1,5 milioni di euro per rimuovere i graffiti

Vandalismi Trenord

Poche righe e qualche foto per denunciare una situazione che va avanti da molto tempo ma che in alcuni momenti diventata talmente grave da comportare la sospensione di un servizio.

Galleria fotografica

Vandalismi Trenord 4 di 4

È quello che ha spiegato Trenord con un tweet: “Lunedì 15 febbraio atti vandalici commessi contro treni, hanno costretto la soppressione di tre corse sulle linee bergamasche e due nel pavese. Trenord nel 2019 ha registrato oltre 9.500 atti vandalici e per la sola rimozione dei graffiti ha sostenuto un costo di 1,5 milioni di euro”.

Davvero numeri impressionanti. Un fenomeno difficile da controllare e che ha conseguenze su tutta la collettività.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 18 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Vandalismi Trenord 4 di 4

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Zero vigilanza sui treni. Zero sorveglianza nelle stazioni diventate terra di nessuno senza più nessun presidio umano.
    E vi stupite che delinquenti, vandali e tossici di ogni risma hanno piede libero?
    E poi quando qualcuno viene beccato inizia la farsa della giustizia italiana con processi infiniti e condanne ridicole.
    E’ ora di ripensare tutto questo sistema…così è evidente che non funziona.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.