Sono rientrate in Italia le salme dell’ambasciatore Attanasio e del carabiniere Iacovacci

Ad attenderli, il presidente del Consiglio Mario Draghi, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il ministro della Difesa Lorenzo Guerini

salma attanasio

L’aereo di Stato con a bordo i feretri dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci, uccisi in Congo, è atterrato all’aeroporto militare di Ciampino a Roma. Ad attenderli, il presidente del Consiglio Mario Draghi, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il ministro della Difesa Lorenzo Guerini.

Le autopsie sui corpi sono attese al Policlinico Gemelli di Roma. Sull’aereo viaggiavano anche la moglie e le tre figlie dell’ambasciatore, che con lui vivevano a Kinshasa, e alcuni dei congiunti del carabiniere.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 24 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Giorgio Vanni
    Scritto da Giorgio Vanni

    Leggendo dell’uccisione dell’ambasciatore italiano ricordo il periodo in cui lavoravo in Burundi – paese confinante con la regione di Goma – quale responsabile finanziario per gli aiuti alla cooperazione e allo sviluppo europei. Il Paese era ancora in guerra e anche noi eravamo stati minacciati e avevamo subito attentati, per questo, come tutti i diplomatici, non organizzavamo nessuna missione senza la protezione di una scorta. La situazione nel Kivu è da decenni simile, quindi il fatto che sia stata data luce verde da parte delle autorità locali al convoglio dell’ambasciatore Attanasio per procedere senza scorta, mi lascia perplesso … Come minimo hanno agito con colpevole superficialità, se non peggio.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.