Moda e design, dalla Lombardia 800mila euro per il “made in Lombardia”

L'assessore Magoni: "Misure per due tra i comparti competitivi più dinamici e rilevanti nel tessuto economico lombardo"

tessile economia

Promuovere le eccellenze del “Made in Lombardia” per stimolare il saper fare lombardo e ripartire da creatività e qualità come strumenti di promozione territoriale. È questo l’obiettivo di “Demo”, la misura approvata dalla Giunta regionale e messa in campo dall’assessore al Turismo, Marketing Territoriale e Moda, Lara Magoni, che punta a sottolineare quanto il design e la moda possano essere due ambasciatori irresistibili per la ripartenza della Lombardia.

“Il design e la moda – dice l’assessore regionale Magoni – sono due tra i comparti competitivi più dinamici e rilevanti nel tessuto economico lombardo, sia per ciò che riguarda il numero di occupati, per ciò che concerne il valore aggiunto, come pure per l’importanza dei flussi dell’export. Aree di eccellenza assoluta, uniche a livello globale per qualità e innovazione, che fanno conoscere la Lombardia nel mondo, attirando milioni di visitatori solo negli ultimi anni con le fiere e gli eventi di settore. In questo momento difficile, riteniamo che sia necessario sostenere questa qualità, certi che possa diventare un volano positivo per la rinascita e il riposizionamento internazionale della nostra regione. Un obiettivo ambizioso ma necessario, al quale dobbiamo lavorare tutti insieme, sinergicamente”.

La misura ‘Demo – iniziative ed eventi di design e moda’ mette a disposizione del genio e dell’immaginazione lombardi 800.000 euro nel biennio 2021-2022 ed è pensata per sostenere progetti che valorizzino il sistema creativo regionale della moda e del design, considerati come veri e propri fattori di attrattività del territorio. Tali eventi dovranno essere coerenti con gli obiettivi strategici di Regione Lombardia nell’ambito della moda e del design. Ovvero dare visibilità alla creatività e al talento dei giovani, valorizzare le eccellenze lombarde legandole anche agli altri comparti attrattivi del territorio (come turismo, cultura, food, sport), promuovere la sostenibilità dell’industria e il contrasto alla contraffazione. Ad essere finanziati saranno eventi e iniziative di promozione dei settori design e/o moda promossi, anche in forma digitale, da soggetti privati in forma di impresa, associazione o fondazione, mentre sono escluse le persone fisiche. I progetti devono essere o realizzati in Lombardia oppure, se fuori regione, riguardare le eccellenze nella moda e nel design della Lombardia. Il contributo sarà a fondo perduto per un massimo di 30.000 euro, a coprire fino al 50% delle spese ammissibili, con un investimento minimo di 10.000 euro.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.