Riforma della legge sanitaria: l’iter per la revisione si concluderà a novembre

A maggio la giunta dovrà indicare le linee guida, entro giugno andranno ascoltati i principali interlocutori, a settembre si arriverà al testo di legge proposto. Critico il consigliere PD Astuti "Non c'è ancora alcuna proposta"

audizione in commissione sanità regione lombardia

Definito l’iter per la revisione della Legge 23, la Riforma della sanità approvata nell’agosto del 2015.

In commissione Sanità, presieduta da Emanuele Monti, sono stati ascoltati  il professor Giuseppe Remuzzi, il direttore generale Agenas che ha puntualizzato alcunei punti critici dell’attuale legge,  Domenico Mantoan e Vittorio Carreri del Movimento Culturale per la difesa e il miglioramento del SSN. L’audizione mirava evidenziare le proposte  di riorganizzazione del sistema sociosanitario lombardo.

La roadmap prevede che entro la prima decade di maggio la Giunta deliberi le linee guida con i punti di modifica. A maggio e a giugno, con tre sedute settimanali per due mesi, da parte della Commissione verranno ascoltati i principali interlocutori del Servizio Sanitario, presenti l’assessore al Welfare Letizia Moratti e la dg Welfare. Entro luglio, la Giunta approverà un progetto di legge “tenendo conto dell’ampio dibattito in Commissione” e a settembre la stessa Commissione valuterà il testo di legge proposto, discutendo emendamenti “formulati anche alla luce delle proposte delle parti sociali”. L’approvazione finale in Consiglio è prevista a novembre.

«L’audizione di questa mattina con Agenas ha delineato in che modo il sistema sanitario lombardo si sia evoluto negli anni post-riforma Maroni – ha commentato il Presidente Emanuele Monti – Molto bene i dati riportati da Agenas sulla Presa in Carico del paziente cronico e fragile: sono un elemento da cui partire. La Commissione Sanità regionale è pronta ad avviare il percorso di revisione della Legge 23/2015 e ne sarà protagonista. Coinvolgeremo le parti sociali nella discussione e daremo centralità all’organo legislativo, serve però un percorso condiviso da tutte le forze politiche».

Il presidente Monti ha dichiarato anche di aver condiviso con la giunta e l’ufficio di presidenza alcune idee operative per il rilancio e il potenziamento del sistema sanitario che dovranno avere la massima condivisione da parte di tutte le forze politiche.

L’annuncio della lettera è stato accolto da critiche da parte dei consiglieri della minoranza, che hanno sottolineato la necessità di un maggior coinvolgimento della Commissione “a partire dalla determinazione dei tempi e del metodo di lavoro”.

 Molto critico il consigliere del PD Samuele Astuti: « Giunta e maggioranza non hanno alcuna proposta di legge di riforma della sanità. Monti oggi ha  annunciato che non sarà presentato nessun testo di riforma  fino alla fine di luglio. Questo, dopo che la maggioranza, da dicembre,  dice di avere già una propria proposta di riforma pronta.  Un ritardo inaccettabile,  che Monti ha cercato di coprire con  iniziative che suonano come un diversivo. La pandemia non è bastata  a far capire l’urgenza della riforma di un sistema  che ha rivelato tutte le proprie debolezze? Perché la giunta si ostina  a rimandare un provvedimento necessario? Perché la  maggioranza in Commissione   continua a essere schiava delle decisioni della vicepresidente  Moratti»

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 31 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.