Schianto sulla 336, Ferrari distrutta

La guidatrice di un’auto di grossa cilindrata ha perso il controllo del veicolo andando a impattare contro le barriere di protezione alla carreggiata

Schianto sulla 336, Ferrari distrutta

Schianto nel primo pomeriggio di mercoledì 4 agosto, alle 13.30, sulla SS 336 “della Malpensa”, nel tratto T1-T2.

Galleria fotografica

Schianto sulla 336, Ferrari distrutta 3 di 3

La guidatrice di un’auto di grossa cilindrata, una Ferrari, ha perso il controllo del veicolo andando a impattare contro le barriere di protezione alla carreggiata.

I vigili del fuoco del distaccamento di Somma Lombardo intervenuti con un’autopompa e un fuoristrada, hanno messo in sicurezza la vettura e collaborato con il personale sanitario. L’auto è rimasta gravemente danneggiata nell’impatto, mentre la donna al volante, 44 anni, soccorsa dai medici della croce Rossa di Busto Arsizio e trasportata in ospedale a Gallarate, non è in gravi condizioni .

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Agosto 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Schianto sulla 336, Ferrari distrutta 3 di 3

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Fabrizio Tamborini
    Scritto da Fabrizio Tamborini

    In questo caso si può dice che “distrutta una Ferrari se ne fa un’altra”.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.