Il giardino di marzo: lavori e lavoretti da fare per grandi e piccini

Come far fruttare al meglio il nostro giardino coinvolgendo anche i più piccoli? Qualche consiglio per il mese di marzo

vario

La primavera sta cominciando a colorare i nostri giardini, le giornate si allungano e, soprattutto in questo periodo, diventa sempre più impegnativo riempirle per i bimbi che sono a casa da scuola o dall’asilo.

Che lavori vanno fatti in questo periodo in giardino? Ecco i suggerimenti dello staff di Agricola Home&Garden. E come possiamo coinvolgere i più piccoli? Lo abbiamo chiesto a Silvia, dell’associazione “La Bottega delle Scoperte” di Besozzo (VA).

PER I BAMBINI

La cucina di fango

Usiamo vecchie pentole e utensili rovinati o che riempiono fino a scoppiare i nostri cassetti e armadi, per costruire una vera e propria cucina di fango. Lo abbiamo fatto tutti e sappiamo quanto è divertente. In via eccezionale, ai bambini sarà concesso di sporcarsi le mani, per preparare intriganti polpette o torte a base di terra e acqua da essiccare al sole. La loro gioia vale quel giro di centrifuga in più richiesto alla lavatrice.

Il giardino sonoro

Bastano due imbuti e un tubo da far passare tra i rami di un albero o tra le fronde di una siepe, per creare un simpatico telefono che amplifica i suoni e il divertimento. E che ne dite di usare materiali di recupero da appendere ad un cancello o sul balcone per creare uno xilofono o delle campane a vento?

Il pianeta verde

Anche se avete un piccolo giardino potete coinvolgere i vostri ragazzi nella sua cura e, insieme a loro, dare un nome fantasioso ad ogni area. Quell’angolo in ombra e pieno di edera? È la misteriosa Palude Ederosa. E quei rami e quelle foglie secche raccolte in un angolo? Siamo, senza ombra di dubbio, davanti al Nido del Brontosauro. Così come l’aiuola di erbe aromatiche non è altro che Il Pianeta dei nasi curiosi. Largo alla fantasia. Create dei cartelli che potete plastificare anche con del semplice nastro adesivo trasparente.

Il mio primo erbario

Immaginate un libro di formule e incantesimi in stile Harry Potter, i cui ingredienti rari e misteriosi si trovano nel nostro giardino. Incoraggiate i piccoli esploratori a raccogliere il maggior numero di esemplari di foglie e fiori nel giardino per poterle archiviare nel loro primo erbario. Scrivete insieme a loro, anche cercando sul web, qualche dettaglio o curiosità sulla pianta e il suo nome in latino.

PER I “GRANDI”

Mentre i bimbi sono occupati a scovare piante misteriose o produrre “melodie” con materiale di recupero, gli adulti possono occuparsi della manutenzione del giardino.

Piante e fiori: cosa mettere a dimora

Si sa che a marzo il tempo è imprevedibile, ma se siamo abbastanza certi di esserci buttati alle spalle le gelate notturne invernali, possiamo già immaginarci di interrare i bulbi a fioritura estiva e autunnale.

Approfittiamo anche di mettere a dimora gli arbusti, gli alberi da frutto e le rose.

Dedichiamoci alle erbacee perenni, che vanno pulite e divise. Sebbene il metodo più economico per moltiplicare le piante perenni sia attraverso la semina, è anche vero che spesso per ottenere piante in fiore in questo modo, sono necessari degli anni. Per avere aiuole rigogliose di perenni conviene, allora, dividere i cespi, i bulbi o il tubero a seconda della tipologia di pianta e rimetterle a dimora immediatamente.

Prato: taglia arieggia e risparmia

Nella seconda metà di marzo è bene effettuare il primo taglio e procedere alla scarificazione del prato per arieggiarlo. In cosa consiste? Operazione consigliata sia in autunno che in primavera, consiste nel rimuovere il muschio che è nato alla base degli steli d’erba a causa del ristagno dell’acqua e della mancata traspirazione del terreno. Per farlo al meglio è bene usare uno strumento adatto e ammorbidire il terreno, bagnandolo poco prima dell’intervento.

Una volta arieggiato il prato, procedere con la risemina in quelle parti che più hanno risentito delle gelate invernali. Scegliere i semi per prato in base all’esposizione della luce o al calpestio e utilizzare un rullo per compattare il terreno, far aderire i semi e, quando inizieranno a germogliare, ad aiutare le piccole radici a far presa.
Ricordarsi di concimare prima della semina e bagnare tutti i giorni fino alla germinazione dei semi (di solito circa 20 giorni).

Concimazione

Questo è il periodo ideale per concimare. Le imminenti piogge primaverili aiuteranno il terreno ad assorbire tutte le sostanze necessarie in profondità e in modo “soft” in quando diluito. Ma come scegliere il concime più adatto?
Esistono varie tipologie di concimazione:

Concimazione con azoto: è l’elemento quantitativamente più importante per le piante; infatti influisce sullo sviluppo totale, dà alle foglie un bel colore verde intenso, prepara la fioritura ed irrobustisce la pianta.
Concimazione con fosforo: è l’elemento che aiuta la pianta nella fioritura e durante la maturazione del frutto.
Concimazione con potassio: accentua il colore ai fiori ed il sapore ai frutti
Concimazione con calcio: viene somministrato solo ai terreni che ne difettano o per coltivazioni di piante con specifiche esigenze.

Avete dubbi o avete bisogno di consigli? Potete contare sullo staff di Agricola.

Per consulenze > Agricola Shop
Per ordinare piante, attrezzi, terricci e concimi che vi verranno consegnati direttamente a casa > supporto@agricolashop.it 

CONTATTI

Agricola Home&Garden
Via Pisna, 1 – 21100 Varese
0332 320788
Sito | Facebook | Instagram | Pinterest | YouTube

di
Pubblicato il 20 marzo 2020

Segnala Errore