Una giornata strana in un paese strano

 Nell’ordine oggi abbiamo scoperto che:
1) qualcuno avrebbe messo delle cimici nei locali del ministro Bossi a Roma. Lui lo svela solo oggi. A Varese non lo avrebbero fatto perché "ho un fucile da caccia e una rivoltella" ha affermato il Senatur;
2) uno dei ragazzi inquisiti per i petardi nella sede della Lega di Gemonio che era stato prontamente arrestato, è stato scarcerato. Sempre Bossi aveva affermato che li conosceva ed erano figli di leghisti.
Va bene tener alta l’attenzione, ma c’è qualcosa che non torna in questi giorni. Non sono argomenti su cui fare ironia, perché Umberto Bossi è un ministro, e un ragazzino si è fatto in carcere tre giorni e tre notti tra cui quella di Capodanno. 
Se la politica si mischia alla giustizia si possono generare mostri. L’Italia ne è maestra e il passato lo insegna. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.