Furto alla moglie del ministro, 6 mesi di carcere per i 3 imputati

Processo al giovane che aveva sottratto la borsetta dall'auto e i ricettatori

Il reato era furto e ricettazione, la parte offesa la moglie del ministro dell’interno Roberto Maroni che, durante una visita al cimitero di Lozza, aveva subito il furto della borsetta, lasciata in auto. I 3 imputati hanno concluso oggi il processo tutti con lo stesso risultato, 6 mesi di carcere.  Si tratta di Ronny Weiss, sinti di 19 anni di Seregno (un complice Anotny Labbate di 30 anni aveva già patteggiato) e dei due ragazzi marocchini a cui erano stati venduti i cellulari, Read Magalaa di 37 anni e Mohamed Shafie di 29 entrambi di Meda. 
Il giovane è arrestato a febbraio dopo un altro colpo in Brianza. Aveva offerto 500 euro di risarcimento che la parte offesa ha però chiesto di donare ai poveri.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.