Marantelli alla Camera: “Il blocco dell’Arcisate Stabio è gravissimo”

Interpellanza del deputato varesino sull'improvviso stop al cantiere che sta creando apprensione in Italia e Svizzera

Daniele Marantelli con il collega deputato Francesco Boccia ha presentato un’interpellanza alla camera sul blocco del cantiere della ferrovia Arcisate Stabio. Il deputato varesino è durissimo. «Un fatto del genere è di una gravità inaudita, a fronte di un finanziamento a suo tempo già erogato, e per giunta in questo momento con il governo a maggior trazione lombarda della storia della repubblica, con ministro che vengono in una parte da queste zone, e anche con la complicità della regione Lombardia. Questa situazione sta determinando un blocco che sembra avvenire non in una delle zone più sviluppate d’Europa ma sulla tratta Salerno Reggio Calabria»

 Ecco il testo dell’interpellanza
«La realizzazione della ferrovia Arcisate – Stabio è una grande opera di rilevanza internazionale che rafforzerà i collegamenti tra l’Italia e la Svizzera potenziando l’accessibilità all’Aeroporto di Malpensa – scrivono i due deputati il collegamento ferroviario di 8,2 chilometri a doppio binario unirà a nord di Varese la città con il confine di Stato, garantirà la connessione tra le linee del San Gottardo e del Sempione, permettendo ad una delle aree più popolose e produttive del Paese di rafforzare i legami politici, economici, ambientali e culturali con il cuore dell’Europa. Tale opera è stata finanziata dal Governo Prodi con 223 milioni di euro deliberati dal Cipe nel febbraio 2008. Il 24 luglio 2009 è stato inaugurato, con il consueto dispendio di energie comunicative, tipico della Giunta Formigoni, il cantiere. Nel 2010 finalmente i cantieri appaltati da Rete Ferroviaria Italiana sono entrati nel vivo affidando all’impresa “Ingegner Claudio Salini” il compito di eseguire l’opera. L’impresa Salini ha sospeso i lavori perché RFI non rispetterebbe i pagamenti previsti dal contratto».

Marantelli e Boccia chiedono al Ministro delle Infrastrutture quali sono le ragioni che hanno determinato il blocco dei cantieri e quali iniziative concrete intenda intraprendere affinché i tempi per la conclusione dell’opera, che garantirà un collegamento diretto Lugano-Varese-Malpensa, siano rispettati.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.