La Lombardia si conferma la regione dell’innovazione tecnologica

Nel 2014 in Lombardia sono oltre 18mila i brevetti depositati dalle oltre 25mila imprese attive nel settore innovazione

innovazione prima

Dalla nuova tecnica per il recupero dell’energia termica dai fumi dei camini convertita in energia elettrica, agli elettrodi di nuova generazione per la cura del dolore nell’epilessia, dal consorzio per la protezione dei formaggi taleggio e provolone Valpadana, alla società di consulenza che mette in contatto ricercatori e potenziali aziende investitrici: sono alcuni dei casi di imprese che puntano sulla valorizzazione della proprietà intellettuale e che hanno incontrato oggi i rappresentanti della Commissione Europea durante il workshop in Camera di commercio: «Il ruolo della proprietà intellettuale a supporto delle piccole e medie imprese: la visione delle aziende».

I brevetti in Lombardia. Tra invenzioni, marchi, disegni e modelli di utilità sono quasi 18mila i brevetti depositati in Lombardia nel 2014, il 26,9% del totale italiano e sono in lieve crescita rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (+0,3%). A Milano ben 14.504 depositi (+0,6%), seguita a grande distanza da Brescia con oltre mille e da Bergamo con 600. Pavia: +22,7% è quella che cresce di più. Sono alcuni dei dati che emergono dal dossier Innovazione 2015 a cura della Camera di commercio di Milano.

Imprese innovative in Lombardia. Dalla chimica alla farmaceutica passando per l’elettronica fino al trasporto aereo: questi gli ambiti del settore innovazione che in Lombardia conta 25.795 imprese, quasi una su quattro in Italia, che danno lavoro a circa 296 mila addetti. Il maggior numero opera nei settori dell’informatica, dell’ingegneria, dell’e-commerce e dell’elettronica. A Milano un’impresa su due e il 71% degli addetti in regione. Seguono Brescia (2.498 imprese con quasi 10mila addetti), Bergamo (2.208 imprese con circa 16 mila addetti) che si piazzano entrambe tra le prime dieci province italiane. Vengono poi Monza e Brianza (2.120 imprese e quasi 24 mila addetti) e Varese (1.626 imprese con circa 13mila addetti). Il valore della produzione del settore in Lombardia nel 2012 è di 104 miliardi, di cui oltre 78 a Milano.

Il settore innovazione in Italia. Conta oltre 112mila imprese con quasi 769mila addetti. Milano primeggia tra le province per numero di imprese e addetti (rispettivamente 13.204 e 210.319), seguita da Roma (quasi 12mila imprese e 128mila addetti) e Torino (6.154 imprese e quasi 55mila addetti). Il valore della produzione del settore in Italia nel 2012 raggiunge quasi i 198 miliardi di euro.

Imprese e diritti di proprietà intellettuale: il workshop si è svolto oggi in Camera di commercio di Milano. I diritti di proprietà intellettuale possono aiutare la competitività delle imprese e quindi valorizzare gli investimenti fatti in ricerca e sviluppo? È questo il tema del workshop “Il ruolo della proprietà intellettuale a supporto delle piccole e medie imprese: la visione delle aziende” che si è tenuto oggi in Camera di commercio di Milano. L’obiettivo: favorire il confronto ed il dialogo tra istituzioni ed imprese, in particolare PMI, sul tema della proprietà intellettuale trattando gli aspetti giuridici, economici e gestionali. Un’occasione per dar voce alle PMI e condividerne problematiche, necessità, aspettative e strumenti per utilizzare al meglio i diritti di proprietà intellettuale, cogliendone le opportunità di crescita nell’economia globalizzata. L’evento, che ricade nell’ambito del Forum del Mercato Unico per il 2014, è stato organizzato da Commissione europea, in collaborazione con Innovhub SSI – Camera di commercio di Milano, Ministero dello Sviluppo Economico e FAST (partner –con Innovhub SSI- della rete Enterprise Europe Network).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.