Oratorio, il luogo giusto per…

Muove i primi passi un progetto che mira ad aumentare la coesione sociale e a rispondere al bisogno di doposcuola. C’è tempo fino al 12 marzo per partecipare al concorso per scegliere nome e logo…

Varie

A Varese nasce una proposta di rilancio dell’oratorio per dare una duplice risposta: venire incontro al bisogno di doposcuola delle famiglie e rafforzare dall’altra parte la coesione all’interno della Comunità.

Due obiettivi che sono stati strettamente legati proprio per trasmettere il senso di appartenenza alla Comunità, attraverso il coinvolgimento di famiglie, anziani, commercianti e attività imprenditoriali della zona. Tutti questi soggetti, infatti, saranno chiamati a contribuire, in termini economici o di tempo, per dare gambe al progetto che ha a cuore il futuro delle giovani generazioni.

Come nasce il progetto – Il progetto è nato all’interno della Comunità pastorale Maria Madre Immacolata (che comprende le parrocchie di Avigno, Bobbiate, Calcinate del Pesce, Lissago, Masnago e Velate) e vede lavorare insieme religiosi e collaboratori laici che hanno deciso di mettere a disposizione le loro professionalità. In concreto, nel giro del prossimo triennio, si potenzierà il servizio di doposcuola all’interno degli oratori di Bobbiate e Masnago attivando nel contempo un piano di raccolta fondi per rendere sostenibile il progetto stesso, ma anche per rafforzare i legami all’interno della Comunità.

Attraverso la raccolta di fondi si chiede ai donatori di prendere a cuore il futuro delle nuove generazioni e di lasciarsi coinvolgere in un disegno più grande”. Un disegno nel quale l’oratorio possa essere fulcro della crescita di bambini e ragazzi e gli spazi oratoriani luoghi di crescita, amicizia, confronto e dialogo.

«Crescere in oratorio – dice suor Angela, responsabile della sede di oratorio a Bobbiate – è una grande opportunità che possiamo e vogliamo dare alle nuove generazioni».

Un primo passo è il logo contest, ovvero un concorso di idee per trovare immagine e nome del progetto di rilancio: per partecipare c’è ancora tempo fino al 12 marzo, scaricando il modulo di partecipazione presente sul sito della Comunità pastorale (www.varesemontelago.it). Il concorso è stato proposto a bambini e ragazzi che frequentano i percorsi attivi all’interno delle realtà parrocchiali, ma è aperto a tutti senza limiti di età. «Anche così – spiega don Nicola, Responsabile di Pastorale Giovanile della Comunità Pastorale – vogliamo fin da subito rendere partecipi tutti rispetto a ciò che stiamo costruendo nella nostra Comunità».

Il futuro – Il progetto è stato finanziato dalla Fondazione Vismara di Milano che ha anche chiesto l’attivazione di un  piano di raccolta fondi al fine di garantire la sostenibilità dell’iniziativa nel tempo. «Noi abbiamo voluto dare alla raccolta fondi un valore in più – spiega ancora don Nicola – perché non sia solo un mettere mano al portafoglio, ma diventi il punto di partenza per l’impegno personale di ciascuno”. Per questo il dialogo sarà aperto non solo all’interno dei vari organi parrocchiali, ma anche con gli Istituti scolastici di riferimento, con le Associazioni genitori e con l’Amministrazione Comunale. Inoltre, grazie alla partecipazione al Bando “Con i Bambini” (in cui la Comunità pastorale è partner di Caritas Ambrosiana con le scuole secondarie varesine Dante A. e A.Vidoletti) altri fondi potrebbero arrivare sempre con l’obiettivo di agire contro la dispersione scolastica, favorendo luoghi di aggregazione pomeridiana per i ragazzi dai 7 ai 17anni.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.