Crisi nel Luinese, pronti progetti di ricollocamento

L'esito del tavolo promosso da Provincia di Varese assieme ai Comuni per valutare possibili iniziative a beneficio dei lavoratori rimasti disoccupati

I segreti di Villa Recalcati (inserita in galleria)

 

Pronto a partire il progetto di formazione e ricollocamento per gli ex lavoratori della Masci, Italtrasfo e Imf, aziende del luinese recentemente entrate in crisi.

E’ questo l’esito della riunione del Tavolo tecnico riunitosi nei giorni scorsi e che la Provincia di Varese ha promosso, insieme alle Amministrazioni dei Comuni di Luino e Germignaga, per valutare possibili iniziative a beneficio dei lavoratori rimasti disoccupati. Al Tavolo, coordinato dal Consigliere Provinciale con delega al Lavoro Giuseppe Licata, partecipano attivamente le parti sindacali CGIL, CISL e UIL e gli Operatori Accreditati per i servizi al lavoro IAL, Manpower e Cesvip.

Trentacinque persone, tra gli ex dipendenti delle tre aziende, invitati nelle settimane scorse ad un incontro informativo sull’iniziativa, hanno scelto di aderire al progetto che gli Enti pubblici e privati che compongono il Tavolo, in partenariato, presenteranno nei prossimi giorni a Regione Lombardia
perché venga finanziato.

E’ quindi possibile che già dal mese di febbraio ciascun lavoratore potrà essere inserito in un percorso personalizzato di formazione e ricollocamento della durata di un anno attraverso i servizi erogati da strutture accreditate.

«Sono molto soddisfatto dei risultati concreti che il Tavolo tecnico sta raggiungendo- spiega Licata – . A fronte delle drammatiche conseguenze dei licenziamenti collettivi, sul piano sociale ed economico, proficua si sta rivelando la sinergia di risorse e competenze che i diversi soggetti che partecipano al Tavolo hanno attivato, superando anche confini istituzionali e politici».

«A riprova della bontà della strada intrapresa, altri Enti stanno chiedendo di contribuire alla riuscita del progetto, è il caso di Ascom Luino. Auspichiamo quindi di vedere al più presto i primi benefici occupazionali per i lavoratori»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore