Forza Sogliano, è la volta buona Ok, lo stadio, ma il velodromo?

Il primo "via libera" al nuovo stadio riaccende la discussione. C'è chi spera per il calcio e chi teme per il ciclismo

Egregio direttore,

Le chiedo la cortesia di permettermi di scrivere ancora in merito alla questione stadio dopo la mia e-mail precedente. Soprattutto visto che percepisco da parte di altri lettori, che hanno a Lei scritto, qualche perplessità.

Innanzitutto vorrei dire al Sig. Andrea L. che gli spettatori del Varese in C2, leggendo anche i tabellini delle partite sui giornali locali, sono in media circa il triplo di quelli da lui segnalati. Non sono di certo numeri incredibili (anche se per la C2 si trattano di buone cifre), ma è giusto dire le cose come stanno. Come è giusto dire che non si può generalizzare e banalizzare in maniera un po’ "snob" la passione dei tifosi del Varese sintetizzandola come ha fatto lui visto che nel settore Distinti (che mi permetto di giudicare perché è il settore che conosco meglio) che frequento io si fa tifo sano e si riescono a creare tra tifosi di tutte le età anche amicizie durature e vere.

Per chi si preoccupa per la sorte di velodromo e pista di atletica per opportuna conoscenza inserisco qui il link ad un articolo di Varesenews http://www3.varesenews.it/varese/articolo.php?id=34147
dove il Sig. Sogliano, due anni fa, spiegava a Varesenews il suo progetto per le due piste.
Sono un semplice tifoso che come tutti ha la sua fonte d’informazione unicamente dai giornali e quindi ovviamente ignoro, nel caso sarà quello di Sogliano il progetto accettato dopo il bando, se l’idea del patròn biancorosso in merito alle piste è rimasta la stessa di allora. Sarebbe interessante saperlo (magari proprio Varesenews potrebbe ragguagliarci in merito).
Concludo rispondendo al signore che dubita che si possa sviluppare calcio a 30 minuti da San Siro: ormai il calcio è un fenomeno sempre più televisivo, dove il pubblico dal punto di vista economico incide sì, ma non come una volta. Altrimenti non si spiegherebbe come mai in A ci troviamo con buoni risultati società come Empoli (che farà l’anno prossimo addirittura la Coppa Uefa) o Siena che, nelle loro partite casalinghe, raramente superano i 10.000 spettatori. Vedi anche il Chievo, paese di una frazione di Verona, che è stato per anni in A, con pochissimi spettatori, arrivando in Europa.

RingrazindoLa ancora per lo spazio che mi potrà concedere le mando i miei più distinti saluti,

Marco

=============================

Caro Direttore,
leggo di numerosi supporter entusiasti dello sblocco annunciato della vicenda dello stadio. Si può ovviamente essere d’accordo o meno – personalmente non credo a uno sviluppo del calcio a 30 minuti da S.Siro – ma mi è giunta una voce addirittura incredibile: Le risulta che nel caso il Varese fosse anche solo promosso in serie B lo stadio nuovo sarebbe inutilizzabile per mancanza di posti? A me sembra impossibile ma ho sentito gente "del settore" esprimersi in questo senso. Certo che se fosse vero, costruire uno stadio del genere per giocare in C1 sarebbe quantomeno ridicolo!

Lettera firmata

Caro lettore

a questo argomento VareseNews aveva dedicato un articolo poco dopo la presentazione in Camera di Commercio del progetto sul nuovo stadio.(http://www3.varesenews.it/sport/articolo.php?id=34481).
Se per quel glorioso giorno saranno ancora in vigore le attuali normative, il Varese potrebbe comunque giocare in serie A, pur con una deroga. Detto questo, nel progetto originale (che quindi potrà subire variazioni in caso di approvazione) era comunque prevista un’eventualità simile e il conseguente ampliamento dei posti a disposizione. O almeno così ci era stato spiegato.

Cordiali Saluti
Damiano Franzetti

==============================

Caro direttore

Mi associo alle preoccupazioni per la sorte del velodromo.
Mi chiedo però anche quale sarà il destino della pista di atletica, oggi frequentata da moltissimi appassionati di ogni età …

Federico Raos

===============================

Carissimo Direttore,
 
leggo  in primo piano  le vicende legate alla possibilita’  attuative  relative al nuovo stadio??
 
Perche’ una volta tanto a Varese non si prospetta la possibilità di creare anziché un salotto per i pomeriggi dormienti di tifosi di calcio (500?? o forse meno), la possibilità di creare un polo sportivo in un’area dove, anziché starsene seduti ad inveire contro l’arbitro o gli avversari, ci sia lo spazio adatto ai tanti giovani sportivi di praticare quegli sport ora relegati in palestre cadenti (oltretutto chiuse da giugno sino ad agosto essendo legate al periodo scolastico). Ogni comune nei dintorni della nostra città ha fatto interventi in tal senso, ai cittadini… solo piazze e bar…
 
Grazie  per lo spazio concesso.
 
Andrea L.

==============================

Egregio Direttore,

da tifoso del Varese (dai tempi della serie A e B) e da varesino mi unisco alla speranza del Sig. Bruno che ha scritto alla Vostra rubrica aperta ai lettori.
Spero anche che l’iter burocratico, che giustamente deve essere seguito dal Comune di Varese, sia il più veloce possibile affinché Sogliano possa programmare al meglio l’attività sportiva del Varese 1910.
Il sogno di noi sportivi varesini della mia generazione è quello di rivivere i fasti di un tempo in uno stadio moderno che, oltre ad essere un luogo comodo di aggregazione per la gente e le famiglie che vogliono godere dello spettacolo sportivo, sia anche un’opportunità e uno stimolo economico e sociale per tutta la città e per le ambizioni del Varese 1910.

Distinti saluti,

Marco

===============================

Gentile direttore,

con riferimento al progetto stadio, penso che la famiglia Sogliano abbia definitivamente perso la partita, partita che era già persa in patenza perchè , dovendo procedere in primis all’acquisto dell’area il conto economico dell’investimento non tornerà mai.
All’Amministrazione Comunale, il merito di non aver regalato niente a nessuno.

Cordialmente

Andrea Brebbia (Varese)

==============================

Buongiorno..in relazione al vostro articolo riguardante il rifacimento
dello stadio, nessuno parla del velodromo dove spesso ragazzini e
ultimamente anche bambini trascorrono i pomeriggi allenandosi, divertendosi
senza incorrere in pericoli derivanti dal traffico…
Che fine fara’ la pista di ciclismo?
Si promuovono i mondiali, pista ciclabile e quanto alto, ma non si promuove
una struttura che potrebbe ospitare tante manifestazioni e tantissime
persone…
Saluti

Giorgio

===============================

Buongiorno Direttore

oggi ho letto sulle pagine del suo giornale la notizia più attesa da tutti noi tifosi del Varese Calcio, lo sblocco dell’iter burocratico per la realizzazione del nuovo stadio di Varese.
Penso sia giusto bandire una gara per la realizzazione di un progetto così importante per tutta la città; allo stesso tempo credo che non ci saranno tanti concorrenti disposti ad accollarsi una spesa del genere per la realizzazione di questo progetto.
A questo punto i Sogliano ed i loro investitori avranno l’occasione per dimostrare quanto proclamato sino ad oggi, (sempre che riescano a vincere l’appalto) sia per il nuovo stadio, che per il bene del Varese Calcio.
Sono sicuro che stiano già lavorando in tutte e due le direzioni, ma come potrà ben capire noi tifosi siamo ansiosi e fiduciosi di avere notizie confortanti sul futuro della nostra squadra, con la speranza di rivederla al più presto là dove merita di stare.
E allora forza Sogliano, fareci sognare!!!!!!!!!!!!!!! Con la speranza che questa sia veramente la volta giusta per il Varese e per Varese.

Grazie dell’attenzione

Bruno

===============================

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 31 Maggio 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.