Nuove linee e nuovi orari, i cittadini protestano

Lamentele sulla scarsità di informazione dopo l'annunciata "rivoluzione" del trasporto pubblico gestito da Amsc: il 7 gennaio riaprono le scuole e si teme il caos

L’annunciata rivoluzione dei trasporti a Gallarate parte ad handicap. Lo denunciano alcuni lettori che alla prova dei fatti hanno trovato pecche e lacune soprattutto nell’informazione fornita agli utenti. Dal 2 gennaio sono cambiati orari e linee dei trasporti urbani, gestiti da Amsc, la società multiservizi controllata dal Comune. Subito dopo l’annuncio del nuovo sistema, dato in pompa magna dal presidente Nino Caianiello e dal primo cittadino Nicola Mucci, sono stati distribuiti volantini esplicativi, ritirati però prontamente per alcuni errori contenuti nei volantini stessi, tanto che nelle case di molti cittadini non sono mai arrivati. I nuovi orari sono stati apposti sulle paline delle fermate solo a partire dal pomeriggio del 2 e ad oggi non è disponibile alcun dépliant, volantino o prospetto riepilogativo delle modifiche alle linee e dei nuovi orari. Nemmeno il sito internet di Amsc aiuta gli utenti: in home page infatti si trovano solo gli orari vecchi, entrati in vigore il 1 gennaio 2003. Dalle segnalazioni dei cittadini, risulta addirittura che gli autisti viaggiano con un foglio riepilogativo dei nuovi orari: chiedendo informazioni, si ottengono notizie nebulose e incomplete. Infine il numero verde, chiamato anche da noi, non è in grado di dare alcuna spiegazione e rimanda all’ufficio trasporti, che risponde ad una linea fissa e quindi a pagamento: le attese sono lunghe, il caos evidente soprattutto in previsione di quello che sarà il vero banco di prova, il prossimo 7 gennaio, quando cioè riapriranno le scuole e gli alunni dovranno prendere d’assalto i bus cittadini per recarsi nei rispettivi istituti. I nostri lettori si chiedono: «Se non erano pronti i materiali informativi, che fretta c’era di cambiare? Queste “rivoluzioni” non sarebbe meglio farle in periodi meno impegnativi, ad esempio a inizio settembre e non durante l’anno scolastico? La popolazione studentesca rappresenta la grande maggioranza dell’utenza del trasporto pubblico, un occhio di riguardo per gli alunni sarebbe auspicabile, e invece in tanti si trovano poca informazione e orari anticipati che costringeranno ad attese fuori dai cancelli al freddo prima della campanella». Dal servizio trasporti di Amsc ammettono in parte l’errore, ma affermano anche di essere corsi ai ripari: «Nell’ultimo numero di Amsc Informa (il giornale informativo della società, ndr) c’era in effetti un errore di stampa: appena ci siamo accorti, abbiamo stoppato la consegna nelle case – spiegano dalla multiservizi gallaratese -. I volantini aggiornati e corretti ci sono arrivati oggi, 4 gennaio, e i fattorini li hanno consegnati nel maggior numero di biglietterie possibile: tra lunedì e martedì dovrebbe essere tutto a posto. Anche il sito internet verrà aggiornato. Per quanto riguarda gli orari dei bus, possiamo rassicurare gli utenti: quelli delle linee Bis limitate, quelle per gli studenti per capirci, rimangono invariati. Per le altre, partiamo con le novità, ma siamo disponibili a piccole modifiche e aggiustamenti a seconda delle segnalazioni».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Gennaio 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.