Centenario del pioniere Dell’Acqua, Farioli chiede aiuto a Bondi

Incontrerà il ministro a Venezia, durante il festival del cinema. Intanto per settembre si preannuncia il cambio di marcia con la riorganizzazione degli uffici dell'urbanistica e dei lavori pubblici

Un giorno intero chiuso a Palazzo Gilardoni per sbrigare incombenze impellenti su urbanistica e personale. Il sindaco Gigi Farioli è già ripartito per le vacanze ad Alassio dove si sta impegnando per riattivare la colonia estiva dei bustocchi,ma di rimpasto non si parla ancora. Più volte annunciato, l’ultimo strillo risale a metà agosto, la sterzata sugli assessorati si fa attendere «almeno fino a settembre – come ha detto il sindaco al telefono in partenza per Alassio – in quel mese rivoluzioneremo la giunta. Nel frattempo siamo pronti per partire con i piani integrati di intervento. La mia presenza ieri a Busto era proprio legata a questo. Stiamo definendo al meglio il personale soprattutto nei due settori dell’urbanistica e dei lavori pubblici in modo che possano stare dietro all’imponente mole di lavoro che dovranno gestire».

 Nel frattempo il sindaco pensa al cinema e, in particolare, al Festival di Venezia dove incontrerà Vittorio Giacci (già direttore artistico del Baff) attualmente presidente dell’Accademia del cinema di Cinecittà col quale si metterà alla caccia di personaggi da portare al B.A. Film Festival e il ministro della Cultura Sandro Bondi per parlare dell’organizzazione del comitato per le celebrazioni del centenario della scomparsa di Enrico dell’Acqua che si terrà nel 2010. Al pioniere dell’esportazione tessile italiana verranno dedicate intense e importanti celebrazioni. A Bondi, i due sono legati da una vecchia amicizia, Farioli chiederà aiuto per rendere i festeggiamenti degni del personaggio.

Nell’attesa che l’accelerata promessa dal sindaco e che egli stesso  ha posto come condizione per rimanere sullo scranno più alto, la città torna a riempirsi col ritorno dei vacanzieri.  Restano in piedi, invece, i punti di domanda tra gli assessori che, in una situazione del genere, faticano a comprendere quale sarà il proprio destino.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore