Quantcast

Pendolari, ancora disagi sulla Porto Ceresio – Milano

Mercoledì 25 marzo ancora gravi disagi per i pendolari che viaggiano da Porto Ceresio a Milano. Il partito socialista chiede provveidmenti e interventi della politica

Mercoledì 25 marzo ancora gravi disagi per i pendolari che viaggiano da Porto Ceresio a Milano. I socialisti di Gallarate si dichiarano «vicini ai viaggiatori gallaratesi per i gravi ritardi e lo stress che subiscono quotidianamente a causa di una linea ferroviaria vetusta, congestionata, con una gestione pessima di Trenitalia, con locomotori e vetture vecchie e sporche. Il fenomeno del pendolarismo costituisce per la nostra città e per i paesi vicini un grave problema sociale, con pesanti risvolti economici che influenzano la qualità della vita delle persone interessate. Abbiamo una nuova struttura ferroviaria a Milano programmata per sopportare il transito di molti treni in ingresso e in uscita ed una rete ferroviaria nell’hinterland milanese vecchia e insufficiente – si legge in una nota di Calogero Casà del partito socialista di Gallarate -. Consideriamo positiva l’inaugurazione della nuova linea ferroviaria Milano Roma che si può percorrere in tre ore riducendo di molto il tempo di percorrenza. Non condividiamo, però, la scelta di penalizzare il trasporto locale della Lombardia. I rappresentanti in Parlamento della Lega Nord non dovevano difendere i lavoratori e i cittadini lombardi? Ormai sono diventati anche loro Romanocentrici per rimanere attaccati alle poltrone e ai posti di potere? Non essendoci stata fino ad oggi nessuna risposta concreta per risolvere in modo radicale i disagi che quotidianamente sono costretti a sopportare i pendolari lombardi, i Socialisti propongono alle autorità regionali competenti di ridurre il costo dell’abbonamento e di renderlo comprensivo di parcheggio alla partenza , di treno, della metropolitana e del pullman. Se si vuole contribuire a risolvere alla radice il problema della congestione del traffico ferroviario e migliorare il servizio, la soluzione potrebbe venire dalla realizzazione del secondo passante ferroviario e da una linea ferroviaria efficiente. La regione Lombardia ha attivato, anche se con risultati molto deludenti, una serie di incontri per migliorare il Trasporto Pubblico Locale. Ai Socialisti dispiace apprendere che all’ultimo incontro non hanno partecipato i rappresentanti della nostra provincia e della nostra amministrazione comunale, sebbene invitati. Chiediamo, pertanto, al signor Sindaco di seguire con attenzione tale problematica e di contribuire a risolverla. Proprio perché è un servizio di pubblica utilità che non persegue fini di mercato, chiediamo alla Regione Lombardia un grande impegno economico per investire sulle infrastrutture, su vetture e locomotori moderni e sull’igiene per portare la nostra regione ai livelli delle città europee e poter affrontare serenamente la prossima Esposizione Internazionale del 2015. In questo modo, inoltre, contribuiremmo a ridurre il fenomeno del vandalismo sulle nostre vetture».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 marzo 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore