Bergamo spegne la Yama, Villa pronta per la Champions

Nel torneo di Oristano la Foppa batte in tre set le bustocche. La MC-Carnaghi presenta l’avventura europea, oggi amichevole con Modena

Il penultimo fine settimana di “libertà” prima dell’inizio delle competizioni ufficiali regala emozioni di segno opposto a Busto e Villa Cortese. La Yamamay, dopo una serie di risultati confortanti, subisce un secco stop in Sardegna nelle semifinali del torneo “Penisola del Sinis” contro la Foppapedretti Bergamo, mentre la MC-Carnaghi, in attesa dell’amichevole di oggi al PalaBorsani, presenta ufficialmente la sua prima partecipazione alla Champions League, che inizierà il 23 novembre a Lodz. 


QUI YAMAMAY – 
Risveglio brusco per le “farfalle” che, esaltate dagli ultimi successi contro Piacenza e Villa, non si aspettavano certo di andare incontro a un secco 0-3 di fronte a una Foppapedretti rimaneggiata. Invece a Cabras, dove si gioca il torneo “Penisola del Sinis” valido per la Round Robin League, è andato tutto storto, a partire dall’impianto elettrico del palazzetto che si è guastato giusto in tempo per ritardare di tre quarti d’ora l’inizio della semifinale (evidentemente le perplessità sulla sede di gioco non erano infondate…). In campo la Yamamay ha faticato parecchio in ricezione e non è riuscita a prendere le giuste contromisure su Vasileva, top scorer con 25 punti. Bergamo ha condotto tutto il primo set (6-12, 12-16, 22-25), malgrado un tentativo di rimonta bustocco sul 18-20, e nel secondo ha fatto ancora meglio, guidando 3-10, 11-18 e 18-25. Reazione Yamamay solo nel terzo set: 8-6 e 16-13 con Valeriano. Dal 22-17 però Bergamo mette a segno un parziale di 1-6 e ai vantaggi è ancora Vasileva a chiudere 27-29. Per la squadra bustocca, puntellata dall’inserimento della giovane Chiodini, Meijners ha messo comunque a segno 19 punti; buoni segnali anche dal muro (9 vincenti). Domani alle 16 la finale per il terzo posto contro la vincente di Pavia-Conegliano, in programma questa sera. Nel frattempo la Yamamay ha programmato anche la presentazione ufficiale della squadra, che si svolgerà nel pomeriggio di mercoledì 24 novembre presso il Bar Abba di Gallarate.
 

QUI MC-CARNAGHI – 
Presentazione in grande stile per Villa Cortese che si prepara alla prima esperienza europea della sua storia: alla sede della PietroCarnaghi erano presentiMarcello AbbondanzaTai Aguero, il presidente Gian Carlo Aliverti e il sindaco Giovanni Alborghetti, poi raggiunti anche dal patron Flavio Radice. “Siamo esordienti – ha detto Aliverti – ma abbiamo giocatrici di grande esperienza e sapremo farci valere. Siamo pronti sia come società sia come squadra”. Non c’è unanimità sui traguardi stagionali: il presidente preferirebbe lo scudetto (“Emotivamente più importante e anche più difficile”), Aguero punta tutto sulla Champions, unico trofeo mai entrato nella sua bacheca, mentre Abbondanza sottolinea che gli obiettivi sono 5: oltre al campionato e alle coppe, anche la Supercoppa del 22 dicembre e la qualificazione alla prossima edizione della massima competizione europea. “Sono dieci anni che nessuno vince scudetto e Champions insieme, ma in questa stagione è diverso, ci sarà più respiro tra una finale e l’altra. La prima sfida della coppa – ha aggiunto il tecnico – sarà il cambio di pallone: già ora stiamo facendo il 90% degli allenamenti con il Mikasa. Per un po’ sarà dura vedere un Villa Cortese brillante, ci vorrà ancora più tempo dell’anno scorso per entrare in forma visto che lo spazio per gli allenamenti è poco”. A Lodz, prima trasferta stagionale, non ci saranno Cardullo né Kovacova, che mercoledì si opera al menisco (almeno tre settimane di stop): le sostituiranno due tra Bianchini, Perinelli, Figini e Di Pinto, le giovani aggregate alla rosa. Oggi alle 17, intanto, ultima amichevole stagionale contro Modena: si rivedrà in campo anche Aury Cruz.
 
 
MONDIALI – L’Italia si qualifica alla finale per il quinto posto dei Mondiali in Giappone: a Tokyo la nazionale di Barbolini ha battuto nettamente la Serbia per 3-0 (25-20, 25-15, 25-22) con 15 punti di Gioli e 12 di Piccinini. Domani le azzurre se la vedranno con la Turchia, che ha superato la Germania per 3-2. Sfiorata la clamorosa sorpresa nelle semifinali per il titolo:il Brasile va sotto di due set con il Giappone prima di imporsi in rimonta al tie break (22-25, 33-35, 25-22, 25-22, 15-11 i parziali). Più agevole il successo della Russia che piega gli USA per 3-1 (25-16, 13-25, 25-19, 25-21) malgrado un pessimo secondo set. Domani la finalissima, riedizione dell’emozionante sfida del 2006 che, sempre a Tokyo, vide prevalere le russe in cinque set.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 novembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore