“Dov’è la sbandierata scuola materna?”

Nuovo affondo della Lega Nord sul tema dell’istruzione contro il sindaco per la promessa della nuova scuola di cui è stato recentemente approvato il progetto

«Non si può certo parlare di tempismo e lungimiranza dell’amministrazione per quanto riguarda la scuola materna: grande promessa della campagna elettorale 2006 e grande assente tra le ben poche realizzazioni del mandato Borghi. Appena poco fa è stato approvato il progetto, ma è troppo tardi».
Nuovo affondo della sezione cittadina della Lega Nord contro l’amministrazione guidata dal sindaco Augusta Borghi. Questa volta nel mirino finisce la gestione della scuola: «I cittadini ben sanno che ognuno dei cinque anni scolastici iniziati sotto il mandato Borghi ha visto la vergognosa estrazione dei bimbi che avrebbero avuto accesso alla scuola materna, una lotteria indegna che avrebbe dovuto terminare molto tempo fa, stando alle promesse dell’amministrazione».
 
«A questo si aggiungo altri evidenti errori nell’individuazione delle priorità dei bambini – continuano -: come si può pensare di abbindolare le famiglie con lo “specchietto” dei parchi giochi senza che questi vengano preceduti da servizi di primaria necessità come la scuola materna? Forse non era necessario spendere una ingente quantità di soldi pubblici per realizzare un “parco delle percezioni” che è chiuso da molti mesi e in cui l’unica cosa che si percepisce è la assurdità di un simile investimento; forse il servizio scuolabus era utile a molti scolari, se non fosse stato costretto all’estinzione da una insolita quanto sospetta inflazione a carico degli utenti. A ciò si aggiunge la realizzazione di ben tre parchi giochi nel raggio di 500 metri, a fronte di interi quartieri e zone del paese che ne sono completamente sprovvisti: noi riteniamo che non sia equo pianificare la costruzione dei parchi concentrandoli in una sola area e non prevedendone alcuno in altri quartieri. Per non parlare dei mobili per l’infanzia rimasti ancor oggi ad arredare la sede della protezione civile».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 novembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore