Sindaco Pd, Paolo Rossi candida la Oprandi

Il senatore rompe il silenzio del partito sul candidato sindaco a Varese e propone senza mezzi termini l'insegnante del Liceo Manzoni

Ufficialmente non c’è alcuna novità nella ricerca del candidato sindaco del centrosinistra. Il Pd ha affidato ai responsabili cittadini il mandato di sondare le disponibilità, ma l’attesa silenziosa sta creando una certa fibrillazione e oggi se n’è avuta la conferma. Il senatore Paolo Rossi ha pubblicamente espresso la sua preferenza: si tratta di Luisa Oprandi, insegnante, consigliere provinciale, militante del partito. Rossi la propone apertamente, in un post pubblicato nel pomeriggio nel suo blog, che è stato commentato già da una cinquantina di persone. «Luisa Oprandi questa per me la candidatura ideale – scrive il parlamentare – insegnante, amatissima dai giovani, impegnata da anni nel volontariato e nel sociale, battagliera donna del Partito Democratico e candidata-sindaco proposta soprattutto da buona parte della città e dalla gente comune. Straordinario il consenso che sta ricevendo a fronte di una sua disponibilità che, oltre ad una sua appartenenza chiara e cristallina, è anche al di fuori degli schemi e delle rigide logiche di certa politica».
Non è un caso che il dibattito sia partito su internet: già nelle scorse settimane sui blog di Rossi e di Giuseppe Adamoli se n’era parlato. Sul blog del senatore i pro e i contro si fronteggiano, in qualche caso, con toni accaniti e sprezzanti.
La posizione assunta da Paolo Rossi è stata presa anche, domenica scorsa, dall’editorialista del quotidiano La Provincia, Max Lodi. L’insegnante del Liceo Manzoni ha avuto anche un pubblico endorsement dalla dirigente del Liceo Cairoli Daniela Tam Baj e dall’ex preside Livio Ghiringhelli insieme all’ax assessore Cazzola.
Tutte voci di area moderata. Anche la Oprandi proviene dalla Margherita, è di area cattolica ed è vicina al gruppo di Area Democratica di Paolo Rossi. A Varese è conosciuta anche perchè attiva nelle associazioni di quartiere, a San Fermo e Valle Olona, e impegnata in teatro con un gruppo di cabaret e musical dialettali.
Varesenews ha effettuato nelle scorse settimane un sondaggio, in cui la Oprandi era risultata seconda dietro l’attuale capogruppo in consiglio Emiliano Cacioppo, che però non avrebbe dato la disponibilità per impegni di lavoro.
Ma al di là della presa di posizione di Paolo Rossi in molti si chiedono quali siano le strategie che stanno seguendo i dirigenti democratici. Lo statuto concede diverse possibilità: un candidato scelto dal partito con una maggioranza qualificata dell’assemblea, un candidato da lanciare alle primarie di coalizione (come chiede Rocco Cordì il candidato di Sel) o infine giocare la carta del “papa straniero”, un candidato che sia esterno al partito ma consciuto in città, come avvenne nel 2005, quando venne candidato l’ex direttore gererale del comune Antonio Conte.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 novembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore