‘Ndrangheta, la Cassazione annulla le motivazioni della sentenza “Infinito”

Motivo: "vizio di forma" dovuto ad un problema della stampante che escluse 120 delle 900 pagine del deposito

tribunaleLa Cassazione ha annullato senza rinvio, per vizio di forma, il deposito delle motivazioni della sentenza del processo Infinito sulla ‘ndrangheta con cui sono state condannate 110 persone. Il deposito da parte del gup di Milano Roberto Arnaldi avvenne in due tempi, nel primo deposito mancava la parte relativa al trattamento sanzionatorio. Ora sarà la Corte d’Appello a valutare gli effetti sul processo di secondo grado. Al momento tutti gli arrestati restano in carcere. Il doppio deposito fu dovuto a un guasto della stampante che ‘mangio” 120 delle 900 pagine del deposito. Quando pochi giorni dopo, il gup si accorse della mancanza fece un provvedimento di integrazione in cui si dava atto dell’incidente tecnico e in cui venivano aggiunte le pagine mancanti. Un provvedimento definito "abnorme" dalla Cassazione che lo ha annullato per vizio di forma. Nell’udienza di domani i legati degli imputati solleveranno la questione della sentenza ‘monca’ su cui deciderà la Corte d’Appello.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 10 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.