Cade un cedro in via Uberti a Varese: “Colpa dell’incuria dell’uomo”

Sul profilo Facebook di Fitoconsult, azienda specializzata che si occupa della cura degli alberi, si trova la foto di un grosso albero crollato: "Quattro anni fa tagliarono le radici per costruire una centralina elettrica, ecco il risultato"

La bufera d’acqua e di vento – fino a 100 Km/ora di questa notte su Varese ha fatto cadere tantissimi alberi. Tra questi anche un grosso cedro in via Uberti: «Quattro anni avevano tagliato tutte le radici per costruire una centralina elettrica – si legge sul profilo Facebook di Fitoconsult, azienda specializzata che si occupa della cura degli alberi -. Non ci piace speculare su queste cose o atteggiarci a esperti del giorno dopo. Certo è che il più delle volte è l’uomo il reale patogeno e responsabile; non certo il fungo che viene poi rilevato sulle radici dell’albero schiantato. Il panico si diffonde, gli alberi sono additati come colpevoli e inizierà la solita e triste strage degli innocenti. Nel dubbio e nella paura si taglierà tutto perchè così almeno non si sbaglierà mai».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 11 Ottobre 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.