Quasi dimezzati i contributi all’asilo, genitori in rivolta

Il piano di diritto allo studio prevede tagli del 40 per cento dall'anno prossimo. La preside: "Se confermato dovremo aumentare le rette di 30 euro al mese". Il sindaco: "Inevitabili i tagli"

C’è molta tensione all’asilo Paolo Busti di Venegono Superiore per la scelta dell’amministrazione di tagliare i contributi comunali alla gestione della struttura. La scuola materna è l’unica del paese ed è stata parificata alle scuole statali; il comune fino al 2013 dava un contributo annuale di 152mila euro. Per il 2014 questo contriobuto è sceso a 144mila, mentre per il prossimi due anni si abbasserà a 90mila, secondo le previsioni del piano di diritto allo studio. Un taglio del 41 per cento che potrebbe riflettersi sulle 210 famiglie dei bambini iscritti, con aumento mensile delle rette di 30 euro, come spiega Piera Santandrea, da 30 anni presidente dell’associazione che gestisce la scuola. 

«Prevedono un taglio di 62mila annue a cui non sappiamo come poter fran fronte se non aumentando le rette – spiega la dirigente –. Abbiamo 210 bambini su 8 sezioni e il sindaco ci ha detto che viaggiamo sopra le nostre possibilità. Ma siamo l’unica scuola dell’infanzia sul territorio di Vengono Superiore e la retta, oltre al contributo del comune è oggi di 180 euro mensili. Questa cifra comprende: buono pasto, laboratorio di musica, educazione fisica, e alto. Il sindaco, dopo un incontro avvenuto su nostra richiesta al 7 settembre, ci aveva avvisato che ci sarebbe stata una limatura ai contributi, ma non ci è stata detta alcuna cifra. Non pensavamo si arrivasse a tanto Con queste decisione del comune siamo in una situazione drammatica e personalmente non mi sento di addossare alle famiglie questo peso economico, soprattutto nella situazione economica in cui ci troviamo a livello nazionali. Mi auguro che con il comune si possa arrivare a un negoziato per una soluzione non ragionevole».  

Dura la risposta del sindaco Ambrogio Crespi: «Quelle cifre sono proiezioni, tabelle che si devono compilare e sono soggette a mutazione. Dipende da come il Governo interviene sui conti del Comune. Ad oggi abbiamo tagliato solo 8mila euro per quest’anno. Per il futuro dobbiamo valutare, ma alla preside ho detto più volte che sono anni che l’asilo va avanti al di sopra delle sue possibilità». 
«Quello che posso dire con certezza – conclude il sindaco – è che non possiamo più dare 152mila eruo perchè il Governo ha effettuato dei tagli. Dobbiamo essere coerenti con la situazione economica italiana. Inoltre, dobbiamo dire un’altra cosa: abbiamo scoperto che ci sono 33 bambini che non sono residenti a Venegono. Io non sono favorevole all’abbassamento delle rette a famiglie che non sono del paese. E questo non ci era mai stato comunicato. La gente di venegono paga per i suoi residenti, non per gli altri».
Intanto i genitori dei bambini dell’asilo Busti hanno indetto una riunione per venerdì pomeriggio, durante la quale discuterrano della situazione e delle richieste che dovranno essere fatte al comune.  

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 16 Settembre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.