Mv Agusta si svela a Philip Island: obiettivo il Mondiale Supersport

Nel fine settimana la pista australiana ospita la prima gara del campionato iridato. Il "Reparto Corse" della Schiranna al via con Cluzel e Zanetti; una moto anche in Superbike con il britannico Camier

Dopo gli ottimi risultati ottenuti dal vicecampione del mondo di categoria Supersport Jules Cluzel e del neoacquisto Lorenzo Zanetti, nella due giorni di test ufficiali, preludio del round di apertura della stagione (da venerdì proprio sulla pista australiana), MV Agusta ha presentato a Philip Island il suo team “Reparto Corse”, denominazione del team factory ufficiale impegnato nella duplice sfida in Superbike e Supersport.

Galleria fotografica

MV Agusta - La squadra corse 2015 4 di 4

Molte le novità per la casa varesina a partire dall’estetica. Le MV Agusta F3 e F4 schierate nel campionato sfoggiano una nuova livrea tricolore che include, tra l’altro il logo Mercedes-AMG trasferendo, dalle strade ai circuiti di tutto il mondo, i valori di esclusività e altissime prestazioni che caratterizzano le due aziende alleatesi di recente.

Sotto il profilo tecnico, se la MV Agusta F3, vicecampione del mondo 2014 con il francese Jules Cluzel, riceve modifiche di dettaglio per quanto riguarda il motore, la ciclistica e l’alimentazione, la "mille" quattro cilindri è stata pesantemente aggiornata sotto ogni punto di vista e ribattezzata con l’evocativa sigla di F4 RC, acronimo di Reparto Corse. Il nuovo bolide, affidato all’esperienza del velocissimo britannico Leon Camier, sarà commercializzato in serie limitata nella doppia configurazione stradale e, ready to race, per poter scatenare in pista i suoi 212 cavalli di serie.

All’interno delle carenature di MV Agusta F3 e F4 si celano meccaniche e ciclistiche con soluzioni uniche al mondo nella produzione di serie. Il telaio a traliccio con piastre d’alluminio, il forcellone mono-braccio, il cambio estraibile, e nella tre cilindri il basamento di tipo “close-deck” fuso in conchiglia con canne integrali, i circuiti acqua e olio integrati e le valvole in titanio, a disposizione radiale sulla 4 cilindri.

A presentare la squadra corse è intervenuto anche Giovanni Castiglioni, presidente e CEO della Schiranna: «Sulle le vittorie e i titoli iridati, si è consolidato nel mondo il mito MV Agusta. Le competizioni sono un banco di prova insostituibile per sviluppare rapidamente nuove soluzioni tecniche da trasferire sulla produzione di serie. Per questo continuiamo a investire risorse e tecnologie sia nella WSS (Supersport ndr), dove siamo protagonisti, sia nella WSBK (Superbike), dove ci attendiamo dei risultati significativi nella seconda parte della stagione».

Il direttore tecnico del "Reparto Corse" Brian Gillen, spiega gli obiettivi dell’annata: «In questa nostra seconda stagione del team interno abbiamo ben in mente cosa dobbiamo fare per portare a casa il nostro 76° titolo iridato nella Supersport. Sarà necessario puntare alla regolarità dei risultati: la MV Agusta F3 esprime prestazioni da riferimento, quindi confidiamo in una stagione da protagonisti. Anche il team ora è più affiatato ed efficiente grazie anche all’inserimento di un tecnico di grande esperienza come Giovanni Sandi. Nella SBK si prospetta uno scenario più difficile ma ci attendiamo una stagione in crescendo confidando sulle capacità ed esperienza di Leon Camier e sullo sviluppo della F4 RC».

Spazio infine ai piloti a partire da Jules Cluzel, tabella numero “16”: Il francese ha riportato al trionfo in un gran premio la MV Agusta dopo 38 anni dall’ultimo successo mondiale, e si è ripetuto altre due volte, conquistando il secondo gradino del podio nel 2014. «Lo scorso anno ho vissuto a Philip Island una giornata indimenticabile, portando la tre cilindri alla vittoria di una gara mondiale dopo l’ultimo successo di Giacomo Agostini. È un circuito che amo e che ben si adatta alla mia F3, quindi spero di riconfermarmi e iniziare con un successo la mia corsa verso il titolo».
Attesissimo esordio per Lorenzo Zanetti, numero 87: binomio tutto tricolore per il miglior pilota italiano della categoria: «Ho provato per la prima volta la MV Agusta F3 a Portimao e mi è piaciuta subito, sia per le prestazioni sia per la linea: secondo me la più bella ed elegante tra le moto dello schieramento. Non credo che sarà necessario un lungo periodo di affiatamento, già ora me la sento quasi cucita addosso e, quel poco che manca per renderla perfetta penso di raggiungerlo già qui a Philip Island».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 febbraio 2015
Leggi i commenti

Galleria fotografica

MV Agusta - La squadra corse 2015 4 di 4

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore